Скачать презентацию Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Скачать презентацию Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea

be8c81fe8ffb515b3e52a373cbacb5ba.ppt

  • Количество слайдов: 51

Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Lucidi delle esercitazioni Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Lucidi delle esercitazioni di Sistemi di Elaborazione in Rete A. A. 2003/2004 1

Concetto di processo q Nei primi sistemi di calcolo era consentita l’esecuzione di un Concetto di processo q Nei primi sistemi di calcolo era consentita l’esecuzione di un solo programma alla volta. Tale programma aveva il completo controllo del sistema e accesso a tutte le sue risorse. q Gli attuali sistemi di calcolo consentono, invece, che più programmi siano caricati in memoria ed eseguiti concorrentemente. Essi sono detti sistemi time-sharing o multitasking. In tali sistemi più programmi vengono eseguiti dalla CPU, che commuta la loro esecuzione con una frequenza tale da permettere agli utenti di interagire con ciascun programma durante la sua esecuzione. q L’unità di lavoro dei moderni sistemi time-sharing è il processo. 2

Definizione di processo q Un processo può essere definito come un programma in esecuzione. Definizione di processo q Un processo può essere definito come un programma in esecuzione. Un processo esegue le proprie istruzioni in modo sequenziale, ovvero in qualsiasi momento viene eseguita al massimo un’istruzione del processo. q Un programma di per sé non è un processo: un programma è un’entità passiva, come il contenuto di un file memorizzato su disco, mentre un processo è una entità attiva, con un program counter che specifica l’attività attuale (ovvero, quale sia la prossima l’istruzione da eseguire) ed un insieme di risorse associate. q Due processi possono essere associati allo stesso programma, ma sono da considerare due sequenze di esecuzione distinte. 3

Processi indipendenti e cooperanti I processi in esecuzione nel sistema operativo possono essere indipendenti Processi indipendenti e cooperanti I processi in esecuzione nel sistema operativo possono essere indipendenti o cooperanti: q Un processo è indipendente se non può influire su altri processi nel sistema o subirne l’influsso. Un processo che non condivida dati temporanei o permanenti con altri processi è indipendente. q Un processo è cooperante se influenza o può essere influenzato da altri processi in esecuzione nel sistema. Ovviamente, qualsiasi processo che condivida dati con altri processi è un processo cooperante. 4

Cooperazione tra processi Ci sono diversi motivi per fornire un ambiente che consenta la Cooperazione tra processi Ci sono diversi motivi per fornire un ambiente che consenta la cooperazione tra processi: q Condivisione di informazioni. Consente a più utenti di condividere le stesse informazioni (ad esempio un file). q Accelerazione del calcolo. Si divide un problema in sottoproblemi che possono essere eseguiti in parallelo. Un’accelerazione di questo tipo è ottenibile solo se il computer dispone di più elementi di elaborazione (come più CPU o canali di I/O) q Modularità. Consente la realizzazione di un sistema modulare che divide le funzioni in processi distinti. 5

Thread q Un thread, anche detto lightweight process, è un flusso sequenziale di esecuzione Thread q Un thread, anche detto lightweight process, è un flusso sequenziale di esecuzione di istruzioni all’interno di un programma/processo. q In un programma si possono far partire più thread che sono eseguiti concorrentemente. Nei computer a singola CPU la concorrenza viene simulata con una politica di scheduling che alterna l'esecuzione dei singoli thread. q Tutti i thread eseguono all’interno del contesto di esecuzione di un solo processo, ovvero condividono le stesse variabili del programma. q Ciascun processo tradizionale, o heavyweight, ha invece il proprio contesto di esecuzione. 6

Thread in Java q Tutti i programmi Java comprendono almeno un thread. Anche un Thread in Java q Tutti i programmi Java comprendono almeno un thread. Anche un programma costituito solo dal metodo main viene eseguito come un singolo thread. Inoltre, Java fornisce strumenti che consentono di creare e manipolare thread aggiuntivi nel programma Esistono due modi per implementare thread in Java: q Definire una sottoclasse della classe Thread. q Definire una classe che implementa l’interfaccia Runnable. Questa modalità è più flessibile, in quanto consente di definire un thread che è sottoclasse di una classe diversa dalla classe Thread. 7

Definire una sottoclasse della classe Thread 1. Si definisce una nuova classe che estende Definire una sottoclasse della classe Thread 1. Si definisce una nuova classe che estende la classe Thread. La nuova classe deve ridefinire il metodo run() della classe Thread. 2. Si crea un’istanza della sottoclasse tramite new. 3. Si chiama il metodo start() sull’istanza creata. Questo determina l’invocazione del metodo run() dell’oggetto, e manda in esecuzione il thread associato. 8

Esempio di sottoclasse di Thread class Saluti extends Thread { public Saluti(String nome) { Esempio di sottoclasse di Thread class Saluti extends Thread { public Saluti(String nome) { super(nome); } public void run() { for (int i = 0; i < 10; i++) System. out. println("Ciao da "+get. Name()); } } public class Thread. Test { public static void main(String args[]) { Saluti t = new Saluti("Primo Thread"); t. start(); } } 9

Definire una classe che implementa Runnable 1. Si definisce una nuova classe che implementa Definire una classe che implementa Runnable 1. Si definisce una nuova classe che implementa l’interfaccia Runnable. La nuova classe deve implementare il metodo run() dell’interfaccia Runnable. 2. Si crea un’istanza della classe tramite new. 3. Si crea un’istanza della classe Thread, passando al suo costruttore un riferimento all’istanza della nuova classe definita. 4. Si chiama il metodo start() sull’istanza della classe Thread creata, determinando l’invocazione del metodo run() dell’oggetto Runnable associato. 10

Esempio di classe che implementa Runnable class Saluti implements Runnable { private String nome; Esempio di classe che implementa Runnable class Saluti implements Runnable { private String nome; public Saluti(String nome) { this. nome = nome; } public void run() { for (int i = 0; i < 10; i++) System. out. println("Ciao da "+nome); } } public class Runnable. Test { public static void main(String args[]) { Saluti s = new Saluti("Secondo Thread"); Thread t = new Thread (s); t. start(); } } 11

La classe Thread (1) Costruttori principali: Thread (): crea un nuovo oggetto Thread (String La classe Thread (1) Costruttori principali: Thread (): crea un nuovo oggetto Thread (String name): crea un nuovo oggetto Thread con nome name. Thread (Runnable target): crea un nuovo oggetto Thread a partire dall’oggetto target. Thread (Runnable target, String name): crea un nuovo oggetto Thread con nome name a partire dall’oggetto target. Metodi principali: String get. Name(): restituisce il nome di questo Thread. void join() throws Interrupted. Exception: attende fino a quando questo Thread non termina l’esecuzione del proprio metodo run. 12

La classe Thread (2) void join(long millis) throws Interrupted. Exception: attende, per un tempo La classe Thread (2) void join(long millis) throws Interrupted. Exception: attende, per un tempo massimo di millisecondi, fino a quando questo Thread non termina l’esecuzione del proprio metodo run. void run(): specifica le operazioni svolte dal Thread. Deve essere ridefinito dalla sottoclasse, altrimenti non effettua alcuna operazione. Se il Thread è stato costruito a partire da un oggetto Runnable, allora verrà invocato il metodo run di tale oggetto. static void sleep(long millis) throws Interrupted. Exception: determina l’interruzione dell’esecuzione del Thread corrente per un tempo di millisecondi. void start(): fa partire l’esecuzione del Thread. Viene invocato il metodo run di questo Thread. static void yield(): determina l’interruzione temporanea del Thread corrente, e consente ad altri Thread di essere eseguiti. 13

La classe Thread (3) static Thread current. Thread(): restituisce un riferimento all’oggetto Thread attualmente La classe Thread (3) static Thread current. Thread(): restituisce un riferimento all’oggetto Thread attualmente in esecuzione. void set. Priority(int new. Priority): cambia la priorità di questo Thread. int get. Priority(): restituisce la priorità di questo Thread. Costanti della classe: static final int MAX_PRIORITY: la massima priorità (pari a 10) che un Thread può avere. static final int MIN_PRIORITY: la minima priorità (pari ad 1) che un Thread può avere. static final int NORM_PRIORITY: la priorità (pari a 5) che viene assegnata di default ad un Thread. 14

Ciclo di vita di un Thread yield() New start() Runnable Not Runnable Il metodo Ciclo di vita di un Thread yield() New start() Runnable Not Runnable Il metodo run() termina Dead q New: subito dopo l’istruzione new le variabili sono state allocate e inizializzate; il thread è in attesa di passare nello stato Runnable. q Runnable: il thread è in esecuzione o in coda di attesa per ottenere l’utilizzo della CPU. q Not Runnable: il thread non può essere messo in esecuzione dallo scheduler. Entra in questo stato quando è in attesa di operazioni di I/O, oppure dopo l’invocazione del metodo sleep(), o del metodo wait(), che verrà discusso in seguito. q Dead: al termine dell’esecuzione del suo metodo run(). 15

Scheduling dei Thread La Java Virtual Machine (JVM) è in grado di eseguire una Scheduling dei Thread La Java Virtual Machine (JVM) è in grado di eseguire una molteplicità di thread su una singola CPU: q lo scheduler della JVM sceglie il thread in stato Runnable con priorità più alta; q se più thread in attesa di eseguire hanno uguale priorità, la scelta dello scheduler avviene con una modalità ciclica (round-robin). Il thread messo in esecuzione dallo scheduler viene interrotto se e solo se: q il metodo run termina l’esecuzione; q il thread esegue yield(); q un thread con priorità più alta diventa Runnable; q il quanto di tempo assegnato si è esaurito (solo su sistemi che supportano time-slicing). 16

Un programma sequenziale (1) class Printer { private int from; private int to; public Un programma sequenziale (1) class Printer { private int from; private int to; public Printer (int from, int to) { this. from = from; this. to = to; } public void print () { for (int i = from; i <= to; i++) System. out. print (i+"t"); } } public class Printer. App { public static void main (String args[]) { Printer p 1 = new Printer (1, 10); Printer p 2 = new Printer (11, 20); p 1. print(); p 2. print(); System. out. println ("Fine"); } } 17

Un programma sequenziale (2) L’esecuzione di Printer. App genera sempre il seguente output: 1 Un programma sequenziale (2) L’esecuzione di Printer. App genera sempre il seguente output: 1 11 Fine 2 12 3 13 4 14 5 15 6 16 I metodi: p 1. print() p 2. print() System. out. println(“Fine”) sono eseguiti in modo sequenziale. 18 7 17 8 18 9 19 10 20

Un programma threaded (1) class TPrinter extends Thread { private int from; private int Un programma threaded (1) class TPrinter extends Thread { private int from; private int to; public TPrinter (int from, int to) { this. from = from; this. to = to; } public void run () { for (int i = from; i <= to; i++) System. out. print (i+"t"); } } public class TPrinter. App { public static void main (String args[]) { TPrinter p 1 = new TPrinter (1, 10); TPrinter p 2 = new TPrinter (11, 20); p 1. start(); p 2. start(); System. out. println ("Fine"); } } 19

Un programma threaded (2) L’esecuzione di TPrinter. App potrebbe generare il seguente output: 1 Un programma threaded (2) L’esecuzione di TPrinter. App potrebbe generare il seguente output: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 11 12 13 14 15 16 17 18 19 Fine 10 20 oppure: Fine 1 7 2 15 3 8 11 16 4 9 12 17 5 10 13 18 6 19 14 20 2 13 19 11 14 20 12 6 10 3 7 4 15 Fine 8 16 17 9 oppure: 1 5 18 e così via: non è possibile fare alcuna assunzione sulla velocità relativa di esecuzione dei thread. L’unica certezza è che le operazioni all’interno di un dato thread procedono in modo sequenziale. 20

Imporre la sequenzialità Per imporre la sequenzialità nell’esecuzione dei diversi thread si può fare Imporre la sequenzialità Per imporre la sequenzialità nell’esecuzione dei diversi thread si può fare uso del metodo join(). public class TPrinter. App { public static void main (String args[]) { TPrinter p 1 = new TPrinter (1, 10); TPrinter p 2 = new TPrinter (11, 20); p 1. start(); try { p 1. join(); } catch (Interrupted. Exception e) { System. out. println(e); } p 2. start(); try { p 2. join(); } catch (Interrupted. Exception e) { System. out. println(e); } System. out. println ("Fine"); } } public class Printer. App { public static void main (String args[]) { Printer p 1 = new Printer (1, 10); Printer p 2 = new Printer (11, 20); p 1. print(); p 2. print(); System. out. println ("Fine"); } } 21

Somma in concorrenza (1) class Sommatore extends Thread { private int da; private int Somma in concorrenza (1) class Sommatore extends Thread { private int da; private int somma; public Sommatore (int da, int a) { this. da = da; this. a = a; } public int get. Somma() { return somma; } public void run () { somma = 0; for (int i = da; i <= a; i++) somma += i; } } 22

Somma in concorrenza (2) public class Sommatoria { public static void main (String args[]) Somma in concorrenza (2) public class Sommatoria { public static void main (String args[]) { int primo = 1; int ultimo = 100; intermedio = (primo+ultimo)/2; Sommatore s 1 = new Sommatore (primo, intermedio); Sommatore s 2 = new Sommatore (intermedio+1, ultimo); s 1. start(); s 2. start(); try { s 1. join(); s 2. join(); } catch (Interrupted. Exception e) { System. out. println (e); } System. out. println (s 1. get. Somma()+s 2. get. Somma()); } } 23

Thread con attività ciclica (1) Ciclo finito: public void run () { for (int Thread con attività ciclica (1) Ciclo finito: public void run () { for (int i = 0; i < n; i++) { istruzioni } } Ciclo infinito: public void run () { while (true) { istruzioni } } 24

Thread con attività ciclica (2) Ciclo con terminazione: class my. Thread extends Thread { Thread con attività ciclica (2) Ciclo con terminazione: class my. Thread extends Thread { private boolean continua; public my. Thread () { continua = true; } public void termina () { continua = false; } public void run () { while (continua) { istruzioni } } } 25

Sincronizzazione dei Processi (1 a parte) n Introduzione n Il problema della sezione critica Sincronizzazione dei Processi (1 a parte) n Introduzione n Il problema della sezione critica n Soluzioni hardware per la sincronizzazione n Semafori 26

Introduzione n L’accesso concorrente a dati condivisi può portare all’inconsistenza dei dati. n Per Introduzione n L’accesso concorrente a dati condivisi può portare all’inconsistenza dei dati. n Per garantire la consistenza dei dati sono necessari meccanismi per assicurare l’esecuzione ordinata dei processi cooperanti. 27

Bounded-Buffer (1) n Dati condivisi class item {. . . } … int BUFFER_SIZE Bounded-Buffer (1) n Dati condivisi class item {. . . } … int BUFFER_SIZE = 10; item buffer[] = new item [BUFFER_SIZE]; int in = 0; int out = 0; int counter = 0; … 28

Bounded-Buffer (2) n Processo produttore item next. Produced; while (true) { next. Produced = Bounded-Buffer (2) n Processo produttore item next. Produced; while (true) { next. Produced = new item (…); while (counter == BUFFER_SIZE) ; /* do nothing */ buffer[in] = next. Produced; in = (in + 1) % BUFFER_SIZE; counter++; } 29

Bounded-Buffer (3) n Processo consumatore item next. Consumed; while (true) { while (counter == Bounded-Buffer (3) n Processo consumatore item next. Consumed; while (true) { while (counter == 0) ; /* do nothing */ next. Consumed = buffer[out]; out = (out + 1) % BUFFER_SIZE; counter--; } 30

Bounded-Buffer (4) n Le istruzioni: counter++; counter--; devono essere eseguite atomicamente. n Una operazione Bounded-Buffer (4) n Le istruzioni: counter++; counter--; devono essere eseguite atomicamente. n Una operazione atomica è una operazione che si completa nella sua interezza senza interruzioni. 31

Bounded-Buffer (5) n L’istruzione “counter++” può essere implementata in linguaggio macchina come: register 1 Bounded-Buffer (5) n L’istruzione “counter++” può essere implementata in linguaggio macchina come: register 1 = counter register 1 = register 1 + 1 counter = register 1 n L’istruzione “counter--” può essere implementata come: register 2 = counter register 2 = register 2 – 1 counter = register 2 32

Bounded-Buffer (6) n Nel caso in cui il produttore ed il consumatore cercassero di Bounded-Buffer (6) n Nel caso in cui il produttore ed il consumatore cercassero di aggiornare il buffer contemporaneamente, le istruzioni in linguaggio assembly potrebbero risultare interfogliate (interleaved). n L’interleaving dipende da come i due processi produttore e consumatore sono schedulati. 33

Bounded-Buffer (7) n Si assuma che counter sia inizialmente 5. Un possibile interleaving delle Bounded-Buffer (7) n Si assuma che counter sia inizialmente 5. Un possibile interleaving delle istruzioni è: producer: register 1 = counter (register 1 = 5) producer: register 1 = register 1 + 1 (register 1 = 6) consumer: register 2 = counter (register 2 = 5) consumer: register 2 = register 2 – 1 (register 2 = 4) producer: counter = register 1 (counter = 6) consumer: counter = register 2 (counter = 4) n Il valore di counter potrebbe essere o 4 o 6, mentre il valore corretto dovrebbe essere 5. 34

Race Condition n Race condition: la situazione in cui più processi accedono e manipolano Race Condition n Race condition: la situazione in cui più processi accedono e manipolano dati condivisi in modo concorrente. Il valore finale dei dati condivisi dipende da quale processo ha finito per ultimo. n Per eliminare le race condition, i processi concorrenti devono essere sincronizzati. 35

Il problema della sezione critica n n processi che competono per usare dati condivisi. Il problema della sezione critica n n processi che competono per usare dati condivisi. n Ciascun processo ha un segmento di codice, chiamato sezione critica, nel quale i dati condivisi sono acceduti. n Problema: garantire che quando un processo è in esecuzione nella sua sezione critica, nessun altro processo sia autorizzato ad eseguire la propria sezione critica. 36

Soluzione al problema della sezione critica Devono essere soddisfatti i seguenti requisiti: 1) Mutua Soluzione al problema della sezione critica Devono essere soddisfatti i seguenti requisiti: 1) Mutua esclusione. Se il processo Pi è in esecuzione nella propria sezione critica, nessuna altro processo può essere in esecuzione nella sua sezione critica. 2) Progresso. se nessun processo è in esecuzione nella propria sezione critica, allora soltanto i processi che cercano di entrare nella sezione critica partecipano alla decisione di chi entrerà davvero, e questa decisione deve avvenire in un tempo finito. 3) Attesa limitata. Deve esistere un limite nel numero di volte che altri processi sono autorizzati ad entrare nelle rispettive sezioni critiche dopo che un processo Pi ha fatto richiesta di entrare nella propria sezione critica e prima che quella richiesta sia soddisfatta. Ø Si assume che ciascun processo esegua a velocità non nulla Ø Nessuna assunzione deve essere fatta sulla velocità relativa degli n processi. 37

Sezione critica: soluzioni n Soltanto 2 processi, P 0 e P 1 n Struttura Sezione critica: soluzioni n Soltanto 2 processi, P 0 e P 1 n Struttura generale del processo Pi while (true) { entry section sezione critica exit section sezione non critica } n I processi possono far uso di variabili condivise per sincronizzare le loro azioni. 38

Monitor (1) n Costrutti di sicronizzazione di alto livello che consentono la condivisione sicura Monitor (1) n Costrutti di sicronizzazione di alto livello che consentono la condivisione sicura di un tipo di dati astratto tra processi concorrenti. monitor-name { dichiarazione di variabili condivise procedure entry P 1 (…) {. . . } procedure entry P 2 (…) {. . . } procedure entry Pn (…) {. . . } monitor-name (…) { codice di inizializzazione } } 39

Monitor (2) n Per consentire ad un processo di attendere all’interno di un monitor, Monitor (2) n Per consentire ad un processo di attendere all’interno di un monitor, si deve dichiarare una variabile condition: condition x, y; n Una variabile condition può essere manipolata solo attraverso le operazioni wait e signal. F L’operazione x. wait(); sospende il processo che la invoca fino a quando un altro processo non invoca: x. signal(); F L’operazione x. signal risveglia esattamente un processo. Se nessun processo è sospeso l’operazione di signal non ha effetto. 40

Rappresentazione concettuale di un Monitor 41 Rappresentazione concettuale di un Monitor 41

Monitor di Hoare e di Hansen Supponiamo che un processo P esegua x. signal, Monitor di Hoare e di Hansen Supponiamo che un processo P esegua x. signal, ed esista un processo sospeso Q associato alla variabile condition x. Dopo la signal, occorre evitare che P e Q risultino contemporaneamente attivi all’interno del monitor: n Hansen: Q attende che P lasci il monitor o si metta in attesa su un’altra variabile condition. n Hoare: P attende che Q lasci il monitor o si metta in attesa su un’altra variabile condition. Questa soluzione è preferibile: infatti consentendo al processo P di continuare (soluzione di Hansen), la condizione logica attesa da Q può non valere più nel momento in cui Q viene ripreso. n Una soluzione di compromesso: P deve lasciare il monitor nel momento stesso dell’esecuzione dell’operazione signal, in quanto viene immediatamente ripreso il processo Q. Questo modello è meno potente di quello di Hoare, perchè un processo non può effettuare una signal più di una volta all’interno di una stessa procedura. 42

Monitor in Java (1) Tutti i thread che fanno parte di una determinata applicazione Monitor in Java (1) Tutti i thread che fanno parte di una determinata applicazione Java condividono lo stesso spazio di memoria, quindi è possibile che più thread accedano contemporaneamente allo stesso metodo o alla stessa sezione di codice di un oggetto. Per evitare inconsistenze, e garantire meccanismi di mutua esclusione e sincronizzazione, Java supporta la definizione di oggetti “monitor”. In Java, un monitor è l’istanza di una classe che definisce uno o più metodi synchronized. E’ possibile definire anche soltanto una sezione di codice (ovvero un blocco di istruzioni) come “synchronized”. In Java ad ogni oggetto è automaticamente associato un “lock”: per accedere ad un metodo o a una sezione synchronized, un thread deve prima acquisire il lock dell’oggetto. Il lock viene automaticamente rilasciato quando il thread esce dal metodo o dalla sezione synchronized, o se viene interrotto da un’eccezione. Un thread che non riesce ad acquisire un lock rimane sospeso sulla richiesta della risorsa fino a quando il lock non diventa disponibile. 43

Monitor in Java (2) Ad ogni oggetto contenente metodi o sezioni synchronized viene assegnata Monitor in Java (2) Ad ogni oggetto contenente metodi o sezioni synchronized viene assegnata una sola variabile condition, quindi due thread non possono accedere contemporaneamente a due sezioni synchronized diverse di uno stesso oggetto. L’esistenza di una sola variabile condition per ogni oggetto rende il modello Java meno espressivo di un vero monitor, che presuppone la possibilità di definire più sezioni critiche per uno stesso oggetto. 44

Monitor in Java (3) Ogni oggetto Java fornisce un insieme di metodi di sincronizzazione: Monitor in Java (3) Ogni oggetto Java fornisce un insieme di metodi di sincronizzazione: void wait() throws Interrupted. Exception: blocca l’esecuzione del thread invocante, in attesa che un altro thread invochi i metodi notify() o notify. All() sullo stesso oggetto monitor. Prima di bloccare la propria esecuzione il thread rilascia il lock. void wait(long timeout) throws Interrupted. Exception: è una variante di wait(). Blocca l’esecuzione del thread invocante, che viene risvegliato o dall’invocazione dei metodi notify() o notify. All(), o quando sia trascorso un tempo pari a timeout millisecondi. L’invocazione di wait(0) equivale all’invocazione di wait(). void notify(): risveglia un unico thread in attesa sull’oggetto monitor corrente. Se più thread sono in attesa, la scelta avviene in maniera arbitraria, dipendente dall’implementazione della Java Virtual Machine. Il thread risvegliato compete con ogni altro thread, come di norma, per ottenere la risorsa condivisa. void notify. All(): esattamente come notify(), ma risveglia tutti i thread in attesa sull’oggetto corrente. È necessario tutte le volte in cui più thread possano essere sospesi su differenti sezioni critiche dello stesso oggetto (in quanto esiste una unica coda d’attesa). 45

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class Bounded. Buffer { private int buffer[]; Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class Bounded. Buffer { private int buffer[]; private int in=0, out=0, count=0, dim; public Bounded. Buffer (int dim) { this. dim=dim; buffer=new int[dim]; } public synchronized int get () { /* lucidi seguenti */ } } public synchronized void put (int item) { /* lucidi seguenti */ } 46

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (2) public synchronized int get () { while (count==0) Bounded Buffer con sincronizzazione Java (2) public synchronized int get () { while (count==0) { try { wait(); } catch (Interrupted. Exception e) { } } int item = buffer[out]; out=(out+1)%dim; count--; notify. All(); return item; } 47

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (3) public synchronized void put (int item) { while Bounded Buffer con sincronizzazione Java (3) public synchronized void put (int item) { while (count==dim) { try { wait(); } catch (Interrupted. Exception e) { } } buffer[in] = item; in=(in+1)%dim; count++; notify. All(); } 48

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (4) public class Consumer extends Thread { private Bounded. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (4) public class Consumer extends Thread { private Bounded. Buffer buffer; private int id; public Consumer (Bounded. Buffer buffer, int id) { this. buffer = buffer; this. id = id; } public void run () { for (int i=0; i<10; i++) { int value = buffer. get(); System. out. println ("Consumer #"+id+" ha estratto "+value); } } } 49

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (5) public class Producer extends Thread { private Bounded. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (5) public class Producer extends Thread { private Bounded. Buffer buffer; private int id; public Producer (Bounded. Buffer buffer, int id) { this. buffer = buffer; this. id = id; } public void run () { for (int i=0; i<10; i++) { buffer. put(i); System. out. println ("Producer #"+id+" ha inserito "+i); } } } 50

Bounded Buffer con sincronizzazione Java (6) public class BBTest { public static void main Bounded Buffer con sincronizzazione Java (6) public class BBTest { public static void main (String args[]) { Bounded. Buffer bb = new Bounded. Buffer (10); Producer pv[] = new Producer [5]; for (int i = 0; i < 5; i++) { pv[i] = new Producer (bb, i); pv[i]. start(); } } } Consumer cv[] = new Consumer [9]; for (int i = 0; i < 9; i++) { cv[i] = new Consumer (bb, i); cv[i]. start(); } 51