Скачать презентацию Programma Operativo Fondo sociale europeo 2014 -2020 AVVISO Скачать презентацию Programma Operativo Fondo sociale europeo 2014 -2020 AVVISO

03c84a0964c2a75d95b0057ae33409b5.ppt

  • Количество слайдов: 10

Programma Operativo Fondo sociale europeo 2014 -2020 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI Programma Operativo Fondo sociale europeo 2014 -2020 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI AVENTI CONTENUTO FORMATIVO: a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE b) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Soggetti proponenti - requisiti • • • Possono partecipare all’avviso, mediante la presentazione di Soggetti proponenti - requisiti • • • Possono partecipare all’avviso, mediante la presentazione di proposte progettuali a carattere formativo tutti i soggetti pubblici o privati aventi sede legale nell’Unione Europea. Possono inoltre partecipare raggruppamenti temporanei d’impresa, consorzi, G. e. i. e. . L'affidamento in gestione degli interventi risultati finanziabili è condizionato all'accreditamento del Soggetto proponente secondo quanto previsto dal Titolo III, Capo III del decreto del Presidente della Provincia n. 12 -26/Leg. di data 14 settembre 2015 e dalla deliberazione della Giunta provinciale 18 luglio 2008, n. 1820 che specifica i requisiti richiesti. Gli organismi che risultano in graduatoria e non sono ancora accreditati devono presentare istanza di accreditamento entro 15 giorni dalla data di ricezione della comunicazione di approvazione delle graduatorie. Entro lo stesso termine, in caso di ATI non costituita, si dovrà depositare l'atto di costituzione. La concessione del finanziamento dei soggetti che risulteranno in graduatoria è subordinata alle seguenti condizioni: • accreditamento del proponente; • osservanza delle prescrizioni stabilite dal D. lgs. 6 settembre 2011, n. 159 in materia di comunicazioni e informazioni “antimafia”; • assolvimento degli oneri contributivi e assicurativi.

Caratteristiche degli interventi – Sono previste due operazioni specifiche: a) INTERVENTI DI RETE PER Caratteristiche degli interventi – Sono previste due operazioni specifiche: a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE per un importo massimo finanziabile di 500. 000, 00 euro a) primo ciclo - scuola secondaria di primo grado b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA per un importo massimo finanziabile di 500. 000, 00 euro – secondo ciclo – scuola secondaria di secondo grado e formazione professionale

a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE Obiettivi L’obiettivo generale degli a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE Obiettivi L’obiettivo generale degli interventi è supportare gli studenti della scuola secondaria di primo grado, in difficoltà o con bisogni educativi speciali, per evitare l’insuccesso formativo e accompagnarli al conseguimento del titolo di studio conclusivo del primo ciclo e all’assolvimento dell’obbligo scolastico. Destinatari Studenti iscritti a una scuola secondaria del primo grado in provincia di Trento, in una delle seguenti situazioni: Ø difficoltà/ritardo negli apprendimenti scolastici, anche dovuti a bisogni educativi speciali o a situazioni di difficoltà personale o familiare non certificate/segnalate dai servizi; Ø ultraquindicenni italiani o stranieri che non hanno ancora conseguito il titolo di studio conclusivo del primo ciclo; Ø a rischio di abbandono scolastico.

a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE Contenuti Attività laboratoriali, formative, a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE Contenuti Attività laboratoriali, formative, di supporto o di orientamento, aggiuntive rispetto alla proposta formativa curricolare. Le proposte progettuali potranno riguardare ad esempio: - laboratori esperienziali trasversali alle diverse discipline; - attività di studio assistito (individualizzato o in piccolo gruppo); - metodologie e strumenti innovativi per supportare il percorso formativo degli studenti con bisogni educativi speciali; - processi di motivazione e sostegno dello studente, anche per favorire un rapporto positivo con l’istituzione scolastica di appartenenza; - approcci volti a favorire l’apprendimento partecipato; - percorsi di orientamento, anche strutturati in moduli brevi all’interno di uno o più macrosettori del secondo ciclo; - la sperimentazione di didattiche innovative per spazi, tempi e formule organizzative; - l’ottimizzazione dei percorsi di apprendimento dello studente, curando il recupero di difficoltà anche momentanee; - l’arricchimento dell’offerta formativa attraverso occasioni mirate allo sviluppo delle competenze per la vita e per l’esercizio della cittadinanza. Dovranno essere previsti strumenti e indicatori di monitoraggio e valutazione degli esiti.

a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE • Beneficiari • Le a) INTERVENTI DI RETE PER IL CONTRASTO ALL’INSUCCESSO FORMATIVO PRECOCE • Beneficiari • Le proposte progettuali dovranno essere presentate da reti di soggetti, in cui almeno un componente deve essere una scuola secondaria del primo ciclo. • Durata e finanziamento massimi • La durata dell’intervento può variare da 50 a 300 ore pro capite percorso. • Il costo per ora di formazione non può superare 140 euro. • Se nel progetto sono coinvolte più sedi scolastiche, il finanziamento complessivo non può superare l’importo definito dal seguente prodotto: • 15. 000, 00 euro * n° sedi scolastiche coinvolte.

b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Obiettivi L’obiettivo generale degli interventi è b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Obiettivi L’obiettivo generale degli interventi è supportare gli studenti del secondo ciclo in difficoltà o con bisogni educativi speciali per accompagnarli al conseguimento di un titolo di studio conclusivo del secondo ciclo. Destinatari Studenti iscritti ad una istituzione scolastica o formativa del secondo ciclo in provincia di Trento, in una delle seguenti situazioni: Ø difficoltà/ritardo negli apprendimenti scolastici, anche dovuti a bisogni educativi speciali o a situazioni di difficoltà personale o familiare non certificate/segnalate dai servizi; Ø a rischio di abbandono scolastico.

b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Contenuti Attività laboratoriali, formative o di b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Contenuti Attività laboratoriali, formative o di supporto, aggiuntive rispetto alla proposta formativa curricolare. Le proposte progettuali potranno riguardare: - Laboratori esperienziali trasversali alle diverse discipline su compiti di realtà; - Attività di studio assistito (individualizzato o in piccolo gruppo); - Metodologie e strumenti innovativi per supportare il percorso formativo degli studenti con bisogni educativi speciali; - Processi di motivazione e sostegno dello studente, anche per favorire un rapporto positivo con l’istituzione scolastica di appartenenza; - Approcci volti a favorire l’apprendimento partecipato; - La sperimentazione di didattiche innovative; - Percorsi di rafforzamento dei giovani che manifestano difficoltà sia a rimanere nel sistema scolastico, sia a inserirsi nel mondo del lavoro, al fine di prepararli per un successivo percorso che contempli contemporaneamente esperienze scolastiche e lavorative (anche nella forma del sistema duale); - L’ottimizzazione dei percorsi di apprendimento dello studente, curando il recupero di difficoltà anche momentanee; - L’arricchimento dell’offerta formativa attraverso occasioni mirate allo sviluppo delle competenze per la vita e per l’esercizio della cittadinanza. - Saranno apprezzati le proposte che prevedono il partenariato con soggetti del territorio (consultori, servizio sanitario, servizi sociali, realtà del terzo settore) e una visione di sistema.

b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Beneficiari Le proposte progettuali dovranno essere b) INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA Beneficiari Le proposte progettuali dovranno essere presentate da reti di soggetti, in cui almeno un componente deve essere una istituzione scolastica/formativa del secondo ciclo. Durata e finanziamento massimi La durata dell’intervento può variare da 500 ore pro capite percorso. Il costo per ora di formazione non può superare 140 euro. Se nel progetto sono coinvolte più sedi scolastiche o formative, il finanziamento complessivo non può superare l’importo definito dal seguente prodotto: • 25. 000, 00 euro * n° sedi scolastiche/formative coinvolte.

Termini e modalità di presentazione delle proposte progettuali Le proposte progettuali devono essere redatte Termini e modalità di presentazione delle proposte progettuali Le proposte progettuali devono essere redatte mediante la procedura informatica attiva sul sito www. fse. provincia. tn. it - area riservata enti - presentazione progetti. Le proposte compilate on line, stampate, sottoscritte dal legale rappresentante e complete dell’eventuale documentazione ulteriore (accordi di condivisione, dichiarazione di ATI costituita o intenzionale, allegati alla descrizione progettuale), potranno essere: consegnate a mano al Servizio Europa – Ufficio Fondo sociale europeo - via Gilli, 4 - TRENTO; inviate tramite servizio postale, allo stesso indirizzo, mediante raccomandata con ricevuta di ritorno; inviate tramite fax al numero 0461/491201; inviate tramite PEC all’indirizzo serv. [email protected] provincia. tn. it; inviate tramite Pi. Tre. per gli enti pubblici federati. ENTRO LE ORE 12. 30 DEL 24 NOVEMBRE 2015.