Скачать презентацию Gli effetti della riforma del TPL sul sistema Скачать презентацию Gli effetti della riforma del TPL sul sistema

a694f5df9c027a83a14fb3b260e78fe5.ppt

  • Количество слайдов: 11

Gli effetti della riforma del TPL sul sistema di mobilità urbana: la nascita dell’Agenzia Gli effetti della riforma del TPL sul sistema di mobilità urbana: la nascita dell’Agenzia genovese per la mobilità sostenibile Claudio Mantero – Università di Genova, Unità di Progetto Piano urbano Mobilità e Trasporti Comune di Genova Alberto Santel – Direttore del’U. P. P. M. T. , Comune di Genova Cristina Scarsi - Università di Genova, U. P. P. M. T. Comune di Genova SIET Genova 18/20. 11. 2004 COMUNE DI GENOVA U. P. P. M. T.

I temi trattati 1. 2. 3. 4. 5. La normativa europea Il percorso per I temi trattati 1. 2. 3. 4. 5. La normativa europea Il percorso per la riforma nazionale L’esperienza Genovese I modelli di regolamentazione Le relazioni triangolari COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

1. La normativa europea NORMATIVA EUROPEA 1. Regolamenti n° 1191/69 e 1893/91: definizione di 1. La normativa europea NORMATIVA EUROPEA 1. Regolamenti n° 1191/69 e 1893/91: definizione di servizio pubblico come stabilito all’art. 73 del trattato della comunità europea e primo approccio all’introduzione di una regola di trasparenza, definizione e ripartizione delle funzioni tra l’impresa e l’amministrazione pubblica tramite il contratto. 2. Nuova proposta di regolamento COM (2000)7 poi rivista con la COM (2002) 107 • Introduzione di una forma di concorrenza controllata • Disciplina dell’accesso al mercato del TPL a livello europeo. • Regole chiare rispetto agli aiuti di stato per la fornitura del servizio. • Contabilità separata 3. La giurisprudenza della corte di giustizia per il settore: • Sentenza Tecktal (1999) • Sentenza Altmark (2003) COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

2. Il percorso della riforma nazionale 1. Ratifica regionale della normativa nazionale differenziata con 2. Il percorso della riforma nazionale 1. Ratifica regionale della normativa nazionale differenziata con iter peculiari sulla base di scelte economiche, politiche e gestionali peculiari di ogni ambito locale. 2. Pochi e limitati casi di concorrenza per l’affidamento del servizio (Valle D’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia ad eccezione di Milano, Liguria ad eccezione di Genova). 3. Incertezza normativa: 1. Dlgs 422/1997 che introduce una forma di concorrenza regolamentata per l’accesso al mercato del servizio di trasporto pubblico locale entro la fine del 2003 2. Dlgs 326/2003 Sospensione delle procedure di gara fino al 2006 e introduzione dell’affidamento in house. 4. Affidamento in house (Provincia di Genova, , Comune di Roma, Comune di Foggia). COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

3. L’esperienza Genovese 1. Autorità per i servizi pubblici - Sezione trasporto pubblico locale 3. L’esperienza Genovese 1. Autorità per i servizi pubblici - Sezione trasporto pubblico locale (ISTITUZIONE 2001 – FINE 2004) Organo Collegiale di 3 esperti, in materia economica, giuridica e urbanistica, eletto dal Consiglio Comunale e ad esso referente. • • Definizione procedure di gara per l’affidamento • Controllo e vigilanza • 2. Stesura contratto di servizio Studio e consulenza per il C. C. in tema di TPL Unità di progetto piano urbano mobilità e trasporti (ISTITUZIONE 2002) Ufficio comunale tecnico con competenze trasversali inerenti la mobilità urbana pubblica e privata. • Pianificazione e progettazione dell’offerta principalmente pubblica e privata. • Analisi e gestione della domanda di mobilità • Elaborazioni trasportistiche territoriali • Predisposizione PUM • Prosecuzione PUT COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

3. L’esperienza Genovese –segue- 1. AMI – Agenzia per la mobilità sostenibile (DICEMBRE 2004) 3. L’esperienza Genovese –segue- 1. AMI – Agenzia per la mobilità sostenibile (DICEMBRE 2004) Società per azioni di proprietà interamente pubblica, derivata dalla scissione dell’azienda di TPL in due distinte società di gestione del servizio e proprietaria dei mezzi. L’altra società si occupa di valorizzazione del patrimonio immobiliare, di gestione e manutenzione del parco mezzi, con le funzioni di agenzia per la mobilità sostenibile. FUNZIONE AGENZIA • Pianificazione della mobilità pubblica e privata • Pianificazione e progettazione del trasporto pubblico locale: rete, infrastrutture per trasporto • Gestione della sosta • Regolamentazione. Definizione del contratto di servizio e eventuali procedure di gara • Vigilanza e controllo • Interventi sulla moderazione del traffico • Gestione altri servizi della mobilità (car sharing, road pricing…) COMUNE DI GENOVA U. P. P. M. T.

4. I modelli di regolamentazione ENTE LOCALE AUTORITA' AGENZIA ASPETTI VALUTATI Costi di creazione: 4. I modelli di regolamentazione ENTE LOCALE AUTORITA' AGENZIA ASPETTI VALUTATI Costi di creazione: I costi totali per l’istituzione della nuova struttura. Capacità di controllo: Capacità della struttura di verificare l’operato del gestore e confrontarlo con quanto stabilito dagli atti ufficiali Disponibilità di strutture tecniche di supporto Disponibilità di risorse in grado di garantire il supporto tecnico ed informativo alle attività proprie della struttura. Capacità di un effettivo potere sanzionatorio: Disponibilità di strumenti di sanzione espliciti e sottoscritti dalle parti. Indipendenza operativa: Capacità di perseguire esclusivamente gli obiettivi tecnici ed organizzativi Coordinamento funzioni Capacità di far coordinazione in un'unica struttura le funzioni coinvolte nel sistema di mobilità urbano. Rilevanza dei costi di mantenimento Costi necessari per il mantenimento garantire alla struttura la propria attività di intervento e coordinamento. COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

4. I modelli di regolamentazione - Segue XXXXX COMUNE DI GENOVA = Rilevante =Alto 4. I modelli di regolamentazione - Segue XXXXX COMUNE DI GENOVA = Rilevante =Alto XXX XX =Buono =Scarso X =Irrilevante U. P. P. M. T.

5. Le relazioni triangolari Operatore Pubblico Trasferimenti Delega scelte economico sociali Imposte Canoni, Imposte, 5. Le relazioni triangolari Operatore Pubblico Trasferimenti Delega scelte economico sociali Imposte Canoni, Imposte, Tasse Scelta dei servizi da offrire Trasferimenti Tariffe Cittadini Azienda Erogatrice Utenti Scelte di produzione Fornitura del servizio Schema di relazioni economiche e di potere tra gli attori istituzionali nel TPL (Agenzia per il controllo e la qualità dei SPL del comune di Roma) COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

5. Le relazioni triangolari – Segue Comune Provincia Cittadini Associazioni Agenzia Azienda erogatrice Mobility’s 5. Le relazioni triangolari – Segue Comune Provincia Cittadini Associazioni Agenzia Azienda erogatrice Mobility’s forum Influenza Mobilità privata interviene Dirige/Pianifica Delega Schema di relazioni di potere tra l’agenzia per la mobilità sostenibile di Genova e gli attori istituzionali COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.

Conclusioni • • I percorsi di riforma del settore del trasporto pubblico in Italia Conclusioni • • I percorsi di riforma del settore del trasporto pubblico in Italia presentano caratteristiche peculiari e differenziate. Genova dal 2001 ad oggi ha sperimentato tre modelli di regolamentazione del sistema di trasporto pubblico, dei quali si è valutato l’iter di istituzione, le criticità incontrate ed i benefici generati. Nel caso genovese, il modello dell’agenzia per la mobilità costituisce una struttura matura, che non rappresenta un artificio istituzionale ma una istituzione ritenuta necessaria ed in grado di gestire in modo coordinato la frammentarietà dell’attuale sistema. È necessario intervenire non solo sul settore del trasporto pubblico ma sull’intero sistema della mobilità. COMUNE DI GENOVA SIET 2004 - Genova U. P. P. M. T.