Скачать презентацию Association mining Salvatore Orlando Data Mining — S Скачать презентацию Association mining Salvatore Orlando Data Mining — S

aa9cb31739a9109ca768184c32e7ac7c.ppt

  • Количество слайдов: 107

“Association mining” Salvatore Orlando Data Mining - S. Orlando 1 “Association mining” Salvatore Orlando Data Mining - S. Orlando 1

Cos’è l’association mining § Identifica frequenze/collegamenti/correlazioni/causalità tra insiemi di item (articoli) in database transazionali Cos’è l’association mining § Identifica frequenze/collegamenti/correlazioni/causalità tra insiemi di item (articoli) in database transazionali – Ogni transazione contiene una lista di item – Es. : gli acquisti fatti dai vari clienti sono memorizzati come transazione nel database di un negozio § Esempi: – Forma della regola: “Body Head [support, confidence]”. compra(x, “pannolini”) compra(x, “birra”) [0. 5%, 60%] – laurea(x, “Informatica”) ^ esame(x, “DB”) voto(x, “ 100 110”) [1%, 75%] – § Applicazioni: – Basket data analysis, cross-marketing, catalog design, clustering, classification, etc. Data Mining - S. Orlando 2

Regole associative: concetti base § Dati: – (1) database di transazioni – (2) ogni Regole associative: concetti base § Dati: – (1) database di transazioni – (2) ogni transazioni è una lista di articoli (acquistati da un cliente in una visita al supermercato) – I = {i 1 , i 2 , …, in} è un insieme di item distinti – Una transazione T è un sottoinsieme di I, T I. – D, il database, è un insieme di transazioni § Trova: tutte le regole che correlano la presenza di un insieme di articoli con quello di un altro insieme di articoli – Una regola associativa ha la forma: A->B, • dove A I, B I, e A∩B = – Es. : il 98% della gente che acquista pneumatici e accessori per auto richiede anche di effettuare manutenzioni periodiche dell’auto Data Mining - S. Orlando 3

Esempio di dataset transazionale e MBA Market-Basket transactions Market Basket Analysis (MBA) Esempio di Esempio di dataset transazionale e MBA Market-Basket transactions Market Basket Analysis (MBA) Esempio di regola associativa: Data Mining - S. Orlando 4

Misure di interesse delle regole Clienti che comprano entrambi Clienti che comprano pannolini § Misure di interesse delle regole Clienti che comprano entrambi Clienti che comprano pannolini § Esempio: pannolini birra § Trova tutte le regole X Z confidenza e supporto minimo – Supporto, s, è la probabilità che una transazione contenga {X Z} • Sup (X Z ) = Probabilità(X Z ) Clienti che comprano birra D – Confidenza, c, è la probabilità condizionale che una transazione che include X contenga anche Z • Conf (X Z ) = Probabilità(Z | X ) Per 50% : supporto minimo 50% : confidenza minima abbiamo che – A C (50%, 66. 6%) – C A (50%, 100%) Data Mining - S. Orlando 5

Calcolo di regole frequenti e confidenti § Sia X un itemset, e sia (X) Calcolo di regole frequenti e confidenti § Sia X un itemset, e sia (X) |D| il numero di transazioni in D che contengono X Esempio: TID 1 2 3 4 5 {Pannolini, Latte} s, c Birra Items Pane, Latte Birra, Pane, Pannolini, Uova Birra, Coca, Pannolini, Latte Birra, Pane, Pannolini, Latte Coca, Pane, Pannolini, Latte Association rule: X s, c y Support: s = (X y) / |D| Confidence: c = (X y) / (X) s = ({Pannolini, Latte, Birra}) / Tot_trans = = 2/5 = 0. 4 = 40% c = ({Pannolini, Latte, Birra}) / ({Pannolini, Latte}) = = 2/3 = 0. 66 = 66 % Il supporto è la probabilità che un certo itemset appaia nelle transazioni del dataset. s=P({Pannolini, Latte, Birra}) La confidenza è una probabilità condizionata c=P({Pannolini, Latte, Birra} | {Pannolini, Latte}) Data Mining - S. Orlando 6

Estrazione di Regole Associative: Applicazione 1 § Marketing e Promozione delle Vendite: – Supporre Estrazione di Regole Associative: Applicazione 1 § Marketing e Promozione delle Vendite: – Supporre che sia stata scoperta la regola {Coca, … } --> {Patatine} – Patatine come conseguenza => Regola può essere impiegata per capire cosa può essere usato per promuovere le vendite di patatine. Coca nell’antecedente => Regola può essere usata per vedere le vendite di quali prodotti sarebbero interessati se il negozio smettesse di vendere Coca. Data Mining - S. Orlando 7

Estrazione di Regole Associative: Applicazione 2 § Gestione degli scaffali nel supermercato – Scopo: Estrazione di Regole Associative: Applicazione 2 § Gestione degli scaffali nel supermercato – Scopo: Identificare gli articoli che sono comprati assieme da un numero sufficientemente grande di clienti – Approccio: Processare i dati collezionati con gli scanner di codici a barre per trovare dipendenze tra gli articoli. – Una regola classica: • Se un cliente acquista pannolini e latte, allora con alta probabilità acquisterà birra • Quindi, non bisogna essere sorpresi se troviamo pacchi da 6 birre disposti negli scaffali a fianco dei pannolini! Data Mining - S. Orlando 8

Estrazione di Regole Associative: Applicazione 3 § Gestione dell’inventario: – Scopo: Un’azienda di riparazione Estrazione di Regole Associative: Applicazione 3 § Gestione dell’inventario: – Scopo: Un’azienda di riparazione di piccoli elettrodomestici ha necessità di: • anticipare la natura delle riparazioni dei prodotti richiesti dai clienti • mantenere i veicoli (usati dai riparatori) equipaggiati con i pezzi di ricambio giusti, questo per ridurre i numeri delle visite alle abitazioni dei clienti – Approccio: Processa i dati sugli strumenti e parti richieste nelle precedenti riparazioni presso le varie visite presso i clienti, e scopri le co-occorrenze dei pattern Data Mining - S. Orlando 9

Tipi di analisi associative § Boolean vs. quantitative associations (Dipende dal tipo di valori Tipi di analisi associative § Boolean vs. quantitative associations (Dipende dal tipo di valori analizzati) buys(x, “SQLServer”) ^ buys(x, “DMBook”) buys(x, “DBMiner”) [0. 2%, 60%] – age(x, “ 30. . 39”) ^ income(x, “ 42. . 48 K”) buys(x, “PC”) [1%, 75%] – § Single dimension vs. multiple dimensional associations (vedi il secondo esempio di sopra) § Single level vs. multiple-level analysis – § Che tipo di birra è associata con che marca di pannolini? Varie estensioni – Correlazione, analisi di causalità • Associazioni non necessariamente implica correlazione o causalità Maxpatterns e closed itemsets – Vincoli – • Es: piccole svendite (sum < 100) danno luogo a grandi acquisti (sum > 1, 000)? Data Mining - S. Orlando 10

Mining di regole booleane a singola-dimensione Min. support 50% Min. confidence 50% Per la Mining di regole booleane a singola-dimensione Min. support 50% Min. confidence 50% Per la regola A C: support = support({A C}) = 50% confidence = support({A C}) / support({A}) = 66. 6% Il principio Apriori: Ogni sottoinsieme di un itemset frequente DEVE essere frequente Data Mining - S. Orlando 11

Generazione delle regole dagli itemset frequenti Esempio di regole: {Milk, Diaper} {Beer} (s=0. 4, Generazione delle regole dagli itemset frequenti Esempio di regole: {Milk, Diaper} {Beer} (s=0. 4, c=0. 67) {Milk, Beer} {Diaper} (s=0. 4, c=1. 0) {Diaper, Beer} {Milk} (s=0. 4, c=0. 67) {Beer} {Milk, Diaper} (s=0. 4, c=0. 67) {Diaper} {Milk, Beer} (s=0. 4, c=0. 5) {Milk} {Diaper, Beer} (s=0. 4, c=0. 5) Osservazione: • Tutte le regole di sopra fanno riferimento allo stesso itemset frequente (s=40%): {Milk, Diaper, Beer} • Le regole così ottenute hanno supporto identico ma possono avere confidenza differente Data Mining - S. Orlando 12

Mining frequent itemset: il passo chiave dell’ association mining § Trova i frequent itemsets: Mining frequent itemset: il passo chiave dell’ association mining § Trova i frequent itemsets: gli insiemi di item che hanno supporto minimo – Un sottoinsieme di un frequent itemset è anch’esso frequente (proprietà anti-monotonica) • Se {AB} è un frequent itemset, sia {A} e sia {B} sono frequenti • ({A}) ({AB}) e ({B}) ({AB}) – Sia I un itemset. Se un sottoinsieme di I non è frequente, allora I non è frequente • Se {A} NON è un frequente, allora anche {A, B} NON è frequente § I frequent itemsets possono essere individuati iterativamente – Prima quelli di cardinalità 1 (1 -itemset) – Poi quelli di cardinalità 2 (2 -itemset) …. – Infine quelli di cardinalità k (k-itemset) § Usa i frequent itemsets per generare le regole associative Data Mining - S. Orlando 13

Il reticolo degli itemsets Power Set di un insieme di d items (d=5 in Il reticolo degli itemsets Power Set di un insieme di d items (d=5 in questo caso) Ci sono 2 d itemset possibili Data Mining - S. Orlando 14

Come calcolare gli itemset frequenti § Approccio naive: – Ogni itemset nel reticolo è Come calcolare gli itemset frequenti § Approccio naive: – Ogni itemset nel reticolo è un candidato itemset frequente – Conta il supporto di ogni candidato con la scansione di tutte le transazioni del database – Complessità ~ O(NM) => costosa poiché M = 2 d !!! Data Mining - S. Orlando 15

Approcci per il mining degli Itemset Frequenti § Ridurre il numero di candidati (M) Approcci per il mining degli Itemset Frequenti § Ridurre il numero di candidati (M) – Ricerca completa: M=2 d – Usa invece l’euristica Apriori per ridurre M § Redurre il numero di transazioni (N) – Ridurre la dimensione N via che la dimensione k degli itemset aumenta – Dataset pruning § Ridurre il numero di confronti necessari (NM) – Usa strutture dati efficienti/compresse per memorizzare candidati/frequenti/transazioni – Lo scopo è evitare di effettuare il matching di ogni candidato contro ciascuna transazione Data Mining - S. Orlando 16

Usare il principio di Apriori per il pruning dei candidati Se un itemset è Usare il principio di Apriori per il pruning dei candidati Se un itemset è NON frequente, allora tutti i suoi superset devono anche essere NON frequenti Abbiamo scoperto che è NON frequente Super-itemset eliminati (pruned), e non controllati Data Mining - S. Orlando 17

L’algoritmo Apriori § Ck è l’insieme dei candidati (k-itemset) all’iterazione k § Il supporto L’algoritmo Apriori § Ck è l’insieme dei candidati (k-itemset) all’iterazione k § Il supporto dei candidati deve essere calcolato per generare Lk § Lk è l’insieme dei frequent itemset (k-itemset) all’iterazione k § Si tratta di un sottoinsieme di Ck § Assieme ad ogni itemset in Lk, viene restituito anche il supporto relativo § Nota: L sta per large. Nell’articolo originale di Apriori, gli itemset frequenti erano chiamati “large itemset” § Gen Step: Ck+1 è generato facendo il join di Lk con sé stesso, e prendendo solo, tra gli itemset otenuti, quelli di lunghezza k+1 che contengono item distinti § Prune Step: Un k-itemset non può essere frequente, e quindi non sarà un candidato, se qualcuno dei suoi sottoinsiemi non è frequente Data Mining - S. Orlando 18

L’algoritmo Apriori § Pseudo-code: Ck: Candidate itemset of size k Lk : frequent itemset L’algoritmo Apriori § Pseudo-code: Ck: Candidate itemset of size k Lk : frequent itemset of size k L 1 = {frequent items}; for (k = 1; Lk != ; k++) do begin Ck+1 = candidates generated from Lk; for each transaction t in database D do increment the count of all candidates in Ck+1 that are contained in t Lk+1 = candidates in Ck+1 with min_support end return k Lk Data Mining - S. Orlando 19

L’algoritmo Apriori: un esempio (minsup = 2) Database D L 1 C 1 Scan L’algoritmo Apriori: un esempio (minsup = 2) Database D L 1 C 1 Scan D C 2 Scan D L 2 C 3 Scan D L 3 Data Mining - S. Orlando 20

Apriori: visita Breadth first del reticolo a b c d e ab ac ad Apriori: visita Breadth first del reticolo a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 21

Genera i Candidati di dimensione 1 a b c d e ab ac ad Genera i Candidati di dimensione 1 a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 22

Conta i supporti dei Candidati di dim. 1 a b c d e ab Conta i supporti dei Candidati di dim. 1 a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 23

Genera i Candidati di dimensione 2 a b c d e ab ac ad Genera i Candidati di dimensione 2 a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 24

Conta i supporti dei Candidati di dim. 2 a b c d e ab Conta i supporti dei Candidati di dim. 2 a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 25

Pruna gli itemset infrequenti a ac ad b c d e ae bc bd Pruna gli itemset infrequenti a ac ad b c d e ae bc bd be cd ce de acd ace ade bcd bce bde cde acde bcde Data Mining - S. Orlando 26

Genera i Candidati di dimensione 3 a ac ad b c d e ae Genera i Candidati di dimensione 3 a ac ad b c d e ae bc bd be cd ce de acd ace ade bcd bce bde cde acde bcde Data Mining - S. Orlando 27

Conta i supporti dei Candidati di dim. 3 a ac ad b c d Conta i supporti dei Candidati di dim. 3 a ac ad b c d e ae bc bd be cd ce de acd ace ade bcd bce bde cde acde bcde Data Mining - S. Orlando 28

Pruna gli itemset infrequenti a ac ad b c d ae bc bd ace Pruna gli itemset infrequenti a ac ad b c d ae bc bd ace ade e be cd ce de bce bde cde acde Data Mining - S. Orlando 29

Genera i Candidati di dimensione 4 a ac ad b c d ae bc Genera i Candidati di dimensione 4 a ac ad b c d ae bc bd ace ade e be cd ce de bce bde cde acde Data Mining - S. Orlando 30

Conta i supporti dei Candidati di dim. 3 a ac ad b c d Conta i supporti dei Candidati di dim. 3 a ac ad b c d ae bc bd ace ade e be cd ce de bce bde cde acde Data Mining - S. Orlando 31

Passo di generazione dei candidati § Supponi che – gli item all’interno degli itemset Passo di generazione dei candidati § Supponi che – gli item all’interno degli itemset siano ordinati, – gli itemset in Lk-1 siano ordinati secondo l’ordine lessicografico indotto § Step 1: self-joining Lk-1 insert into Ck all pairs (p, q) Lk-1 where p. item 1=q. item 1, ……, p. itemk-2=q. itemk-2, p. itemk-1 < q. itemk-1 (p e q condividono un prefisso comune di lunghezza k-2) (la condizione p. itemk-1 < q. itemk-1 assicura che non vengano prodotti duplicati) § Step 2: pruning forall itemsets c in Ck do forall (k-1)-subsets s of c do if (s is not in Lk-1) then delete c from Ck Data Mining - S. Orlando 32

Esempio di generazione dei candidati § L 3={abc, abd, ace, bcd} § Self-joining: L Esempio di generazione dei candidati § L 3={abc, abd, ace, bcd} § Self-joining: L 3*L 3 – abcd da abc e abd – acde da acd e ace § Pruning: – acde è rimosso perché ade non è in L 3 § C 4={abcd} Data Mining - S. Orlando 33

Conteggio del supporto dei candidati § Perchè contare il supporto dei candidati potrebbe essere Conteggio del supporto dei candidati § Perchè contare il supporto dei candidati potrebbe essere problematico? – Il numero di candidati potrebbe essere enorme – Una transazione potrebbe contenere molti candidati § Metodo: – Itemsets Candidati memorizzati in un hash-tree – La profondità massima dell’hash-tree dipende dalla lunghezza k dei candidati memorizzati – Nodi foglia dell’hash-tree contengono una lista di itemset candidati, con i contatori associati – Nodi interni contengono un hash table – Funzione di subsetting: trova tutti i candidati contenuti in una transazione visitando l’hash tree Data Mining - S. Orlando 34

Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Hash-tree per memorizzare i candidati: – Albero Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Hash-tree per memorizzare i candidati: – Albero ternario, con funzione hash di modulo sul valore degli item – Foglie memorizzano lista di candidati (ordered sets) – Subsetting check sulla radice dell’albero, data la transazione {1, 2, 3, 5, 6} Data Mining - S. Orlando 35

Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree Nota Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree Nota che 4 e 7 appaiono anche in questi bin 3, 6, 9 2, 5, 8 234 567 145 136 345 Hash on 1, 4 or 7 124 125 457 356 367 357 689 368 458 159 Data Mining - S. Orlando 36

Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree 3, Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree 3, 6, 9 2, 5, 8 234 567 145 136 345 Hash on 2, 5 or 8 124 125 457 356 367 357 689 368 458 159 Data Mining - S. Orlando 37

Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree 3, Hash-tree per memorizzare i candidati Hash Function 1, 4, 7 Candidate Hash Tree 3, 6, 9 2, 5, 8 234 567 145 136 345 Hash on 3, 6 or 9 124 125 457 356 367 357 689 368 458 159 Data Mining - S. Orlando 38

Operazione di Subsetting su una transazione Data una transazione t, quali sono i possibili Operazione di Subsetting su una transazione Data una transazione t, quali sono i possibili sottoinsiemi di size 3? Data Mining - S. Orlando 39

Operazione di Subsetting su una transazione • Controllo di subsetting ricorsivo Hash Function 1 Operazione di Subsetting su una transazione • Controllo di subsetting ricorsivo Hash Function 1 2 3 5 6 transaction 1+ 2356 2+ 356 1, 4, 7 3+ 56 234 567 145 136 345 124 457 125 458 159 356 357 689 367 368 3, 6, 9 2, 5, 8 Per evitare duplicati, cerco sempre insiemi ordinati di 3 elementi 1 combinato con 2, o 3, o 5, ma non con 6 non esiste {1, 6, x}, x>6, nella transazione !!! Data Mining - S. Orlando 40

Operazione di Subsetting su una transazione Hash Function 1 2 3 5 6 transaction Operazione di Subsetting su una transazione Hash Function 1 2 3 5 6 transaction 1+ 2356 2+ 356 1, 4, 7 3+ 56 3, 6, 9 2, 5, 8 13+ 56 234 567 15+ 6 145 136 345 124 457 125 458 159 356 357 689 367 368 Data Mining - S. Orlando 41

Operazione di Subsetting su una transazione Hash Function 1 2 3 5 6 transaction Operazione di Subsetting su una transazione Hash Function 1 2 3 5 6 transaction 1+ 2356 2+ 356 1, 4, 7 3+ 56 3, 6, 9 2, 5, 8 13+ 56 234 567 15+ 6 145 136 345 124 457 125 458 159 356 357 689 367 368 La transazione contiene ben 11 di tutti i 15 candidati Data Mining - S. Orlando 42

Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Hash-based itemset counting: – All’iterazione k-1 provo Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Hash-based itemset counting: – All’iterazione k-1 provo a prevedere gli itemset che finiranno in Ck • Scopo: aumentare la capacità di pruning per ridurre la dimensione di Ck – I k-itemset presenti in una transazione sono mappati, tramite una funzione hash, in una tabella hash relativamente piccola meno contatori di Ck – Tutti gli k-itemset la cui locazione hash corrispondente è al di sotto del supporto minimo • Non possono essere frequenti • Possono essere prunati da Ck § Esempio: All’iterazione k=1, crea la tabella hash H 2 – hash function: h(x; y) = (x * 10 + y) mod 7 – min_supp = 3 Data Mining - S. Orlando 43

Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Transaction pruning: Una transazione che non contiene Metodi per migliorare l’efficienza di Apriori § Transaction pruning: Una transazione che non contiene nessun kitemset frequente, è inutile nelle successione scansione del database § Sampling: mining su un sottoinsieme dei dati. Perdiamo in accuratezza ma miglioriamo in efficienza § Partitioning: Un itemset che è frequente nel database D deve essere frequente in almeno una delle partizioni di D (relativamente al size della partizione). Purtroppo un itemset frequente in una partizione di D potrebbe essere NON frequente nel database completo D. Data Mining - S. Orlando 44

§ D 1, D 2, D 3 § Se X è frequent, allora: supp(X) § D 1, D 2, D 3 § Se X è frequent, allora: supp(X) = supp. D 1(X) + supp. D 2(X) + supp. D 3(X) i, supp. Di(X) < s% |Di| A B >= s% (|D 1| +|D 2| +|D 3|) X è infrequente globalmente (per def. è equivalente a: ¬ A B) A B è equivalente a: ¬ B ¬ A (che per def. è equiv. a B ¬ A) X è frequente globalmente i, supp. Di(X) >= s% |Di| Data Mining - S. Orlando 45

Generazione delle regole § Algoritmo non ottimizzato: c è frequente per definizione for each Generazione delle regole § Algoritmo non ottimizzato: c è frequente per definizione for each frequent itemset l do for each subset c of l do if (support(l) / support(l-c) minconf) then output rule (l-c) c, with confidence = support(l) / support(l-c) support = support(l); Data Mining - S. Orlando 46

Generazione delle regole (2) § Considera la regola (l-c) c § Se c 1 Generazione delle regole (2) § Considera la regola (l-c) c § Se c 1 c, allora l c c 1 l – c l - c 1 support(l - c) support(l – c 1) support(l)/support(l - c 1) support(l)/support(l - c) conf((l - c 1) conf((l - c) § Quindi, se una conseguenza c genera una regola valida, usando tutti i sottoinsiemi c 1 di c generiamo regole valide (con confidenza maggiore) proprietà di antimonotonia § Possiamo quindi usare questa proprietà per effettuare il pruning delle regole candidate, generando prima le regole conseguenze più corte (a livelli): – Considera un itemset ABCDE. – se ACDE B e ABCE D sono le sole regole valide con singola conseguenza (cioè confidenza minima), allora ACE BD è la sola altra regola che deve essere testata. – se ACD BE fosse valida, dovrebbe essere valida anche se ABCD Data Mining - S. Orlando 47

Colli di bottiglia di Apriori § I concetti base di Apriori: – Visita a Colli di bottiglia di Apriori § I concetti base di Apriori: – Visita a livelli dello spazio di ricerca – Usa i (k – 1)-itemset per generare i k-itemset candidati – Ad ogni livello, scandisci il database, usa pattern matching per aggiornare i contatori dei k-itemsets candidati – Approccio Counting-based § Colli di bottiglia – I candidati possono essere tantissimi: • 104 1 -itemset frequenti genereranno 107 2 -itemset candidati • Per scoprire un pattern frequente di dimensione 100, es. {a 1, a 2, …, a 100}, è necessario contare 2100 1030 candidati. – Scansioni multiple del database: • Necessari (n +1 ) scansioni, dove n è la lunghezza del pattern più lungo Data Mining - S. Orlando 48

Mining dei pattern frequenti senza generazione dei candidati § Comprimi il database in una Mining dei pattern frequenti senza generazione dei candidati § Comprimi il database in una strutura dati compatta: Frequent-Pattern tree (FP-tree) – Struttura dati TRIE, solitamente utile per memorizzare stringhe ed effettuare ricerche – FP-tree è compresso, ma completo per l’estrazione dei pattern frequenti con i relativi supporti – Si riducono le scansioni del database § Metodo efficiente basato sull’ FP-tree per effettuare il mining dei pattern frequenti – Metodo divide-and-conquer: decomponiamo il task completo in altri più piccoli – Si evita la generazione dei candidati Data Mining - S. Orlando 49

Costruzione dell’FP-tree a partire dal DB TID 100 200 300 400 500 Items bought Costruzione dell’FP-tree a partire dal DB TID 100 200 300 400 500 Items bought (ordered) frequent items {f, a, c, d, g, i, m, p} {f, c, a, m, p} {a, b, c, f, l, m, o} {f, c, a, b, m} {b, f, h, j, o} {f, b} {b, c, k, s, p} {c, b, p} {a, f, c, e, l, p, m, n} {f, c, a, m, p} Passi: Item frequency head f 4 c 4 a 3 b 3 m 3 p 3 {} Header Table 1. Scandisci il database per trovare gli 1 -itemset frequenti min_support = 0. 5 2. Ordina gli items frequenti in ordine decrescente 3. Scandisci il DB nuovamente, e costruisci l’ FP-tree f: 4 c: 3 c: 1 b: 1 a: 3 b: 1 p: 1 m: 2 b: 1 p: 2 m: 1 Data Mining - S. Orlando 50

Costruzione FP-tree Transaction Database null Letura TID=1: A: 1 B: 1 Lettura TID=2: null Costruzione FP-tree Transaction Database null Letura TID=1: A: 1 B: 1 Lettura TID=2: null A: 1 B: 1 C: 1 Data Mining - S. Orlando 51

Costruzione FP-tree Transaction Database null B: 3 A: 7 B: 5 Header table C: Costruzione FP-tree Transaction Database null B: 3 A: 7 B: 5 Header table C: 1 C: 3 D: 1 D: 1 E: 1 Puntatori utili per estrarre gli itemset frequenti Data Mining - S. Orlando 52

Proprietà dell’FP-tree § Preserva l’informazione completa per estrarre i pattern frequenti § Riduzione delle Proprietà dell’FP-tree § Preserva l’informazione completa per estrarre i pattern frequenti § Riduzione delle informazioni irrilevanti — gli item non frequenti sono eliminati § Ordinati in ordine decrescente di frequenza: item più frequenti hanno più probabilità di essere condivisi § L’FP-tree è solitamente più piccolo del database originale (senza contare link e contatori) – Esempio: per connect-4 DB, rapporto di compressione maggiore di 100 Data Mining - S. Orlando 53

Mining i pattern frequenti tramite l’FP-tree § Idea generale – In maniera ricorsiva, fai Mining i pattern frequenti tramite l’FP-tree § Idea generale – In maniera ricorsiva, fai crescere i pattern frequenti usando l’FP -tree – Visita Depth-First del reticolo Data Mining - S. Orlando 54

FIM attraverso una visita depth first § Supponi di avere un dataset che contenga FIM attraverso una visita depth first § Supponi di avere un dataset che contenga gli item – a, b, c, d, e § § Conta il supporto degli item singoli Rimuovi gli item non frequenti § Trova tutti gli itemset frequenti che contengono a – possiamo rimuovere proiettare il dataset rimuovendo le trans. che non contengono a § Trova tutti gli itemset frequenti che contengono b ma non a – possiamo rimuovere proiettare il dataset rimuovendo le trans. che non contengono b – rimuovendo anche a da ogni trans. restante § Trova tutti gli itemset frequenti che contengono c ma non a e b – possiamo rimuovere proiettare il dataset rimuovendo le trans. che non contengono b – rimuovendo anche a e b da ogni trans. restante § … § NOTA: anche se nell’esempio usiamo l’ordine lessicale tra gli item per determinare l’ordine della visita, qualsiasi ordine potrebbe essere usato. Un ordine spesso utilizzato è quello indotto dalla frequenze degli item, considerando per primi gli item meno/più frequenti Data Mining - S. Orlando 55

FIM attraverso una visita depth first a b c d e ab ac ad FIM attraverso una visita depth first a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 56

Trova itemset frequenti contenenti “a” a b c d e ab ac ad ae Trova itemset frequenti contenenti “a” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 57

Trova itemset frequenti contenenti “a” ma “non b” a b c d e ab Trova itemset frequenti contenenti “a” ma “non b” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 58

… contenenti “c” ma “non a” e “non b” a b c d e … contenenti “c” ma “non a” e “non b” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 59

… contenenti “d” ma “non a”, “non b”, e “non c” a b c … contenenti “d” ma “non a”, “non b”, e “non c” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 60

… contenenti “d” ma “non a, b, c, d” a b c d e … contenenti “d” ma “non a, b, c, d” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 61

Ricorsione: es. per gli itemset contenenti “a” a b c d e ab ac Ricorsione: es. per gli itemset contenenti “a” a b c d e ab ac ad ae bc bd be cd ce de abc abd abe acd ace ade bcd bce bde cde abcd abce abde acde bcde abcde Data Mining - S. Orlando 62

Passi di FP-growth 1) Costruisci il conditional pattern base per ciascun item nel’FP -tree Passi di FP-growth 1) Costruisci il conditional pattern base per ciascun item nel’FP -tree n proiezione del database per prepararsi alla visita depth-first n quando visito per estrarre gli itemset che iniziano per c, ma non contengono né a e né b, mi è sufficiente un database ridotto (proiettato), da cui ho rimosso a e b 2) Costruisci il conditional FP-tree da ciascun conditional pattern-base n ogni conditional FP-tree corrisponde alla compressione del database proiettato (rimuovo gli itemset localmente infrequenti) 3) Passo ricorsivo sui conditional FP-trees n rispetto al mining degli itemset che iniziano per a, calcolo prima gli itemset che iniziano per ab, poi quelli che iniziano per ac e non ab, poi quelli che iniziano per ad … Data Mining - S. Orlando 63

Passo 1: dall’ FP-tree al Conditional Pattern Base § A partire dal frequent header Passo 1: dall’ FP-tree al Conditional Pattern Base § A partire dal frequent header table dell’ FP-tree § Attraversa nell’FP-tree la lista di ciascun item frequente § Accumula i prefix path di quell’item in modo da formare la conditional pattern base Header Table Item frequency head f 4 c 4 a 3 b 3 m 3 p 3 {} f: 4 c: 3 c: 1 b: 1 a: 3 b: 1 p: 1 Conditional pattern bases item cond. pattern base c f: 3 a fc: 3 b fca: 1, f: 1, c: 1 m: 2 b: 1 m fca: 2, fcab: 1 p: 2 m: 1 p fcam: 2, cb: 1 Data Mining - S. Orlando 64

Proprietà importanti per la creazione delle basi condizionali § Proprietà dei Node-link – Per Proprietà importanti per la creazione delle basi condizionali § Proprietà dei Node-link – Per ogni frequent item ai, tutti i possibili frequent pattern che contengono ai possono essere ottenuti seguendo i link del nodo ai, iniziando dalla testa della lista di ai nell’FP-tree header § Proprietà dei prefix path – Per calcolare i frequent pattern per un nodo ai nel path P dell’albero (P va dalla radice ad una foglia dell’albero), solo il prefix sub-path di ai in P deve essere accumulato nella base, e il suo conteggio di frequenza deve portare lo stesso conteggio del nodo ai. Data Mining - S. Orlando 65

Passo 2: costruzione dei conditional FP-tree § Per ciascuna pattern-base – Accumula i conteggi Passo 2: costruzione dei conditional FP-tree § Per ciascuna pattern-base – Accumula i conteggi per ciascun item nella base – Costruisci l’FP-tree condizionale includendo solo gli item frequenti presenti nella pattern-base • L’item b viene eliminato dall’ m-base perché non frequente Header Table Item frequency head f 4 c 4 a 3 b 3 m 3 p 3 {} f: 4 c: 3 c: 1 b: 1 a: 3 b: 1 p: 1 m-conditional pattern base: fca: 2, fcab: 1 {} f: 3 m: 2 b: 1 c: 3 p: 2 m: 1 a: 3 Passo 3 All frequent patterns concerning m m, fm, cm, am, fcm, fam, cam, fcam m-conditional FP-tree Data Mining - S. Orlando 66

Basi e FP-tree condizionali Item Conditional pattern-base Conditional FP-tree p {(fcam: 2), (cb: 1)} Basi e FP-tree condizionali Item Conditional pattern-base Conditional FP-tree p {(fcam: 2), (cb: 1)} {(c: 3)}|p m {(fca: 2), (fcab: 1)} {(f: 3, c: 3, a: 3)}|m b {(fca: 1), (f: 1), (c: 1)} Empty a {(fc: 3)} {(f: 3, c: 3)}|a c {(f: 3)}|c f Empty Data Mining - S. Orlando 67

Passo 3: ricorsione § In modo ricorsivo, riapplica FP-growth agli FP-tree condizionali {} Cond. Passo 3: ricorsione § In modo ricorsivo, riapplica FP-growth agli FP-tree condizionali {} Cond. pattern base di “am”: (fc: 3) {} f: 3 c: 3 f: 3 am-conditional FP-tree c: 3 a: 3 m-conditional FP-tree {} Cond. pattern base of “cm”: (f: 3) f: 3 cm-conditional FP-tree {} Cond. pattern base of “cam”: (f: 3) f: 3 cam-conditional FP-tree Data Mining - S. Orlando 68

Generazione a partire da un FP-tree a singolo path § Supponi che un FP-tree Generazione a partire da un FP-tree a singolo path § Supponi che un FP-tree T ha un singolo path P § L’insieme completo dei frequent pattern di T può essere generato enumerando tutte le combinazioni dei sub-paths di P {} f: 3 c: 3 a: 3 m-conditional FP-tree Tutti i frequent patterns relativi a m m, fm, cm, am, fcm, fam, cam, fcam Data Mining - S. Orlando 69

Prestazioni § Performance – FP-growth è un ordine di grandezza più veloce di Apriori Prestazioni § Performance – FP-growth è un ordine di grandezza più veloce di Apriori § Ragioni – Non abbiamo candidate generation, e nemmeno candidate test – Strutture dati compatte • Solo per alcuni tipi di database, purtroppo – Si evitano ripetuti scan del database – L’operazione base diventa il conteggio e la costruzione dell’FPtree Data Mining - S. Orlando 70

FP-growth: tempo di esecuzione rispetto al supporto minimo Data set T 25 I 20 FP-growth: tempo di esecuzione rispetto al supporto minimo Data set T 25 I 20 D 10 K Data Mining - S. Orlando 71

FIM algorithms: formato database § Database Orizzontale vs. Verticale – Record orizzontale (transazione): – FIM algorithms: formato database § Database Orizzontale vs. Verticale – Record orizzontale (transazione): – Record verticale (tidlist): Tid: Item 0, …, Itemk Item: Tid 0, …, Tidh Verticale Orizzontale Data Mining - S. Orlando 72

FIM algorithms: metodo per calcolare i supporti § Metodo per calcolare il supporto: – FIM algorithms: metodo per calcolare i supporti § Metodo per calcolare il supporto: – Count-based • E’ il metodo usato da Apriori • Sfrutta un database orizzontale, confrontando le transazioni con i candidati, incrementando i contatori associati – Intersection-based • Sfrutta un database verticale • Per ogni itemset candidato, interseca (set-intersection) le tidlist degli item che appaiono nel candidato • la cardinalità del tidlist risultante dopo le intersezioni corrisponde al supporto del candidato Data Mining - S. Orlando 73

Count-based vs Intersection-based § Come possiamo determinare il supporto dei candidati? – Apriori è Count-based vs Intersection-based § Come possiamo determinare il supporto dei candidati? – Apriori è count-based, e usa un dataset orizzontale – Partition/Eclat è intersection-based, e usa un dataset verticale Transaction TID-list Data Mining - S. Orlando 74

Intersection-based § § k-way intersection – Determina il supporto di un k-itemset attraverso il Intersection-based § § k-way intersection – Determina il supporto di un k-itemset attraverso il set intersection di k tid-list atomiche, contando alla fine la cardinalità della lista ottenuta – Vantaggio: bassa occupazione di memoria – Svantaggio: lentezza nel conteggio 2 -way intersection – Determina il supporto di un k-itemset attraverso il set intersection di 2 tid-list associate a due dei suoi (k-1)-sottoinsiemi frequenti – Vantaggio: velocissimo conteggio del supporto Svantaggio: la dimensione di tutte le liste intermedie può diventare grandissima Data Mining - S. Orlando 75

Frequent Set Counting algorithms § Spazio di ricerca: P(I), power set di I, |P(I)| Frequent Set Counting algorithms § Spazio di ricerca: P(I), power set di I, |P(I)| = 2|I| – Spazio di ricerca molto grande, ma la proprietà di Apriori introduce molto pruning § DFS • Depth-First Search • in profondità • non si riesce a sfruttare pienamente la proprietà di antimonotonia per il pruning § BFS • Breadth-First Search • Per livelli, come l’algoritmo di Apriori Data Mining - S. Orlando 76

Classificazione dei vari algoritmi per FSC Search space: visiting method DF S BF Support: Classificazione dei vari algoritmi per FSC Search space: visiting method DF S BF Support: Partition FP-growth Eclat Horizontal DB Vertical DB Co Apriori Level-wise, strictly iterative g tin Co c se un ti ter ng computing method In un ti Support: ng cti se ter In ng computing method S Divide & conquer, recursive Data Mining - S. Orlando 77

DCI: Direct Counting & Intersecting § Algorithm Level-wise (BFS) § Metodo ibrido per determinare DCI: Direct Counting & Intersecting § Algorithm Level-wise (BFS) § Metodo ibrido per determinare il supporto dei frequent itemsets – Count-based durante the prime iterazioni • Metodo innovative per memorizzare e accedere i candidati per countare il loro supporto • Pruning del database orizzontale (disk-stored) – Intersection-based quando il database è piccolo abbastanza da stare in memoria principale resource-aware • Trasformazione Orizzontale-a-Verticale • Intersezione k-way ottimizzata Data Mining - S. Orlando 78

DCI: fase intersection-based § § Quando il database prunato entra in memoria, DCI costruisce DCI: fase intersection-based § § Quando il database prunato entra in memoria, DCI costruisce “al volo” un bit-vector database verticale Grazie alla rappresentazione bit-vector e al pruning, questo accade molto presto (2 o o 3 o iterazione) nk trans 1 0 mk items Data Mining - S. Orlando 79

DCI: intersezione delle tidlist (bitvector) § Intersectioni a k-vie – Intersezione di tidlists associate DCI: intersezione delle tidlist (bitvector) § Intersectioni a k-vie – Intersezione di tidlists associate con singoli item (atomi) – Poca memoria, ma troppe intersezioni! § Intersectioni a 2 -vie – a partire da tidlist associate con frequent (k-1)itemset – tantissima memoria, ma poche intersezioni! § DCI compromesso tra 2 -vie e k-vie – Basato su intersezioni a k-vie di bitvector, – MA usa cache per memorizzare le intersezioni parziali corrispondenti ai vari prefissi del candidato corrente Cache size: k-2 bitvector di nk bit Data Mining - S. Orlando 80

DCI: intersezione delle tidlist (bitvector) C 6 Candidato corrente i 0 3 3 3 DCI: intersezione delle tidlist (bitvector) C 6 Candidato corrente i 0 3 3 3 i 1 5 5 5 i 2 i 3 i 4 i 5 11 17 24 31 11 17 24 47 11 17 31 47 Buffer di (k-2) vettori di nk bit usati per il caching delle intersezioni intermedie 3&5 3 & 5 & 11& 17 & 24 Riuso di questa Intersezione presente in cache Data Mining - S. Orlando 81

DCI: numero delle operazioni AND Data Mining - S. Orlando 82 DCI: numero delle operazioni AND Data Mining - S. Orlando 82

DCI: database sparsi vs. densi § Sparsi: – I bit-vector sono sparsi • contengono DCI: database sparsi vs. densi § Sparsi: – I bit-vector sono sparsi • contengono pochi 1, e lunghe sequenze di 0 – è possibile identificare grandi sezioni di word uguali a zero – possiamo skip-are queste sezioni durante le intersezioni § Densi – Forte correlazione tra gli item più frequenti, i cui bit-vectors sono densi e molto simili • contengono pochi 0, e lunghe sequenze di 1 § DCI – Adotta automaticamente strategie di ottimizzazione differenti per database densi e sparsi Data Mining - S. Orlando 83

DCI: migliore di FP-growth n Database denso • n Pattern lunghissimi Apriori è troppo DCI: migliore di FP-growth n Database denso • n Pattern lunghissimi Apriori è troppo costoso • tempo di Apriori non commensurabile Data Mining - S. Orlando 84

DCI: migliore di FP-growth n Database reale e sparso • n Dati di clickstream DCI: migliore di FP-growth n Database reale e sparso • n Dati di clickstream da un sito web di e-commerce Pattern di lunghezza media per supporti piccoli Data Mining - S. Orlando 85

Visualizzazione di regole associative (Forma tabellare) Data Mining - S. Orlando 86 Visualizzazione di regole associative (Forma tabellare) Data Mining - S. Orlando 86

Visualizzazione: grafico tridimensionale Data Mining - S. Orlando 87 Visualizzazione: grafico tridimensionale Data Mining - S. Orlando 87

Visualizzazione: associazioni come link Data Mining - S. Orlando 88 Visualizzazione: associazioni come link Data Mining - S. Orlando 88

Regole associative multi-livello § Gli item spesso associati ad una gerarchia § Item e Regole associative multi-livello § Gli item spesso associati ad una gerarchia § Item e relative regole ai livelli più bassi hanno supporti più bassi § Regole riguardanti itemset agli appropriati livelli possono risultare utili e significative § Possiamo esplorare regole a livelli multipli – Dato un supporto assoluto, la regola "Outwear Shoes" può essere valida anche se "Jackets Shoes" e “Ski. Pants Shoes" non lo sono Data Mining - S. Orlando 89

Regole associative multi-livello § Un approccio top_down, che progressivamente scende di livello: – Prima Regole associative multi-livello § Un approccio top_down, che progressivamente scende di livello: – Prima trova regole “più forti” ad alto-livello milk ® bread [20%, 60%] – Poi trova regole “più deboli” al loro livello più basso: 2% milk ® wheat bread [6%, 50%] Food bread milk skim Fraser 2% wheat white Sunset Data Mining - S. Orlando 90

Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto uniforme: stesso supporto minimo Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto uniforme: stesso supporto minimo per tutti i livelli della gerarchia – Un solo valore soglia per il supporto minimo – Non abbiamo necessità di esaminare itemset che contengono item i cui antenati non godono del supporto minimo • I livelli più bassi non sono sicuramente frequenti – Se il valore soglia del supporto è • Troppo alto perdiamo regole a livello basso • Troppo basso generiamo troppe regole di alto livello § Riduzione progressiva del supporto – supporto minimo viene via ridotto ai livelli più bassi della gerarchia Data Mining - S. Orlando 91

Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto uniforme Level 1 min_sup Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto uniforme Level 1 min_sup = 5% Level 2 min_sup = 5% Milk [support = 10%] 2% Milk Skim Milk [support = 6%] [support = 4%] Data Mining - S. Orlando 92

Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto ridotto Level 1 min_sup Regole associative multi-livello: Uniform Support vs. Reduced Support § Supporto ridotto Level 1 min_sup = 5% Level 2 min_sup = 3% Milk [support = 10%] 2% Milk Skim Milk [support = 6%] [support = 4%] Data Mining - S. Orlando 93

Regole associative multi-dimensionali § Regole a singola dimensione: – Regole intra-dimension (singolo predicato): buys(X, Regole associative multi-dimensionali § Regole a singola dimensione: – Regole intra-dimension (singolo predicato): buys(X, “milk”) buys(X, “bread”) § Regole multi-dimensionali e quantitative: – Regole inter-dimension (senza predicati ripetuti) age(X, ” 19 -25”) occupation(X, “student”) buys(X, “coke”) – Regole hybrid-dimension (predicati ripetuti) age(X, ” 19 -25”) buys(X, “popcorn”) buys(X, “coke”) § Problemi con dimensioni contenenti attributi quantitativi – Attr. numerici, ordinati implicitamente – Da discretizzare staticamente o dinamicamente Data Mining - S. Orlando 94

Critiche alle misure di supporto/confidenza § Esempio 1: – Tra 5000 studenti • 3000 Critiche alle misure di supporto/confidenza § Esempio 1: – Tra 5000 studenti • 3000 giocano a calcio • 3750 mangiano cereali • 2000 sia giocano a calcio e sia mangiano cereali § § La regola gioca a calcio mangia cereali [40%, 66. 7%] è fuorviante, poiché la percentuale totale di studenti che mangiano cereali è del 75%, che è più grande del 66. 7% La misura di conf. ignora la prob. ass. della parte destra della regola La regola gioca a calcio non mangia cereali [20%, 33. 3%] è più significativa, anche se ha un supporto e una confidenza minore Data Mining - S. Orlando 95

Critiche alle misure di supporto/confidenza § Esempio 2: – X e Y: correlati positivamente, Critiche alle misure di supporto/confidenza § Esempio 2: – X e Y: correlati positivamente, – X e Z: correlati negativamente – Supporto e confidenza di X Z domina § Abbiamo bisogno di una misura che metta in evidenza eventi correlati, ovvero inter-dipendenti P(B|A)/P(B) è anche chiamato il lift della regola A B Data Mining - S. Orlando 96

Un’altra misura: Interesse § Interesse (lift) – Si considerano sia P(A) e sia P(B) Un’altra misura: Interesse § Interesse (lift) – Si considerano sia P(A) e sia P(B) – P(A^B)=P(B)*P(A), se A e B sono eventi indipendenti – A e B sono correlati negativamente se il valore è minore di 1 – A e B sono correlati positivamente se il valore è maggiore di 1 Data Mining - S. Orlando 97

Atri tipi di patterns § § § Maximal and Closed Itemsets Negative Associations Indirect Atri tipi di patterns § § § Maximal and Closed Itemsets Negative Associations Indirect Associations Frequent Subgraphs Cyclic Association Rules Sequential Patterns Data Mining - S. Orlando 98

Maximal frequent itemsets Maximal Itemsets Infrequent Itemsets Border Data Mining - S. Orlando 99 Maximal frequent itemsets Maximal Itemsets Infrequent Itemsets Border Data Mining - S. Orlando 99

Closed frequent itemsets § Un itemset X è closed se NON esistono itemset X’ Closed frequent itemsets § Un itemset X è closed se NON esistono itemset X’ tali che: – X’ è un superset di X – Tutte le transazioni che contengono X contengono pure X’ • supp(X) = supp(X’) A 1 … A 10 B 1 … B 10 C 1 … C 10 111111111100000000000000000000 000000000011111111110000000000 000000000000000000001111111111 Numero degli itemset frequenti: Numero Closed Itemset = 3 {A 1, …, A 10}, {B 1, …, B 10}, {C 1, …, C 10} Numero Itemset massimali = 3 Data Mining - S. Orlando 100

Maximal vs Closed Itemsets Transaction Ids Non supportati da alcuna transazione Data Mining - Maximal vs Closed Itemsets Transaction Ids Non supportati da alcuna transazione Data Mining - S. Orlando 101

Maximal vs Closed Itemsets Minimum support = 2 Closed but not maximal Closed and Maximal vs Closed Itemsets Minimum support = 2 Closed but not maximal Closed and maximal CD # Closed = 10 # Maximal = 5 A D (s=2, c = 2/3 = 0, 66%) AC D (s=2, c = 2/3 = 0, 66%) regola non generata se partiamo dai closed Data Mining - S. Orlando 102

Classificatori basati su regole associative § Dati su cui costruire il classificatore – Insieme Classificatori basati su regole associative § Dati su cui costruire il classificatore – Insieme di record in D classificati, ovvero contenenti un attributo categorico y Y, che determina la classe di appartenenza § Trasformiamo il dataset per poter applicare un algoritmo Apriorilike – Ogni record deve diventare una transazione che contiene un insieme di item I – Gli attributi categorici vengono mappati su insiemi di interi consecutivi – Gli attributi continui sono discretizzati e trasformati come quelli categorici – Ogni record diventa una ennupla di item distinti appartenenti a I, dove ogni item è una coppia (Attribute, Integer-value) § Le regole estratte (CAR=Class Association Rule) con supporto/confidenza minimi hanno quindi forma – condset y – Dove condset è un insieme di item (Attribute, Integer-value) Data Mining - S. Orlando 103

Classificatori basati su regole associative § Una CAR ha confidenza c – se il Classificatori basati su regole associative § Una CAR ha confidenza c – se il c% dei campioni in D che contengono condset contengono anche y (ovvero appartengono alla classe y) § Una CAR ha supporto s – se l’ s% dei campioni in D contengono sia condset e sia y (ovvero contengono condset ed appartengono anche alla classe y ) Data Mining - S. Orlando 104

Classificatori basati su CAR in dettaglio § 1° passo (generazione delle CAR) – Algoritmo Classificatori basati su CAR in dettaglio § 1° passo (generazione delle CAR) – Algoritmo iterativo (come Apriori) che ricerca k-ruleitems frequenti (CAR frequenti il cui condset contiene K item) – Scansione multipla del database – Cerca ad ogni iterazione k = 1, 2, 3, … i k-ruleitems frequenti – La conoscenza dei k-ruleitems frequenti viene usata per generare i (k+1)-ruleitems candidati Data Mining - S. Orlando 105

Classificatori basati su CAR in dettaglio § 2 ° passo (generazione del Classificatore) – Classificatori basati su CAR in dettaglio § 2 ° passo (generazione del Classificatore) – Ricerca delle CAR più accurate – Metodo euristico, basato su un ordinamento tra CAR – Una regola ri precede una regola rj (ri < rj) se • La confidenza di ri è più grande di rj • La confidenza è la stessa, ma ri ha un supporto più grande • La confidenza e il supporto delle due regole sono uguali, ma ri è stata generata prima di rj – Al termine l’algoritmo seleziona un insieme di CAR ordinate che coprono tutti i campioni in D § Uso del classificatore – Nel classificare un nuovo campione, si usa l’ordine tra le CAR • Si sceglie la prima regola il cui condset soddisfa il campione. – E’ necessaria una regola di default, a precedenza minima, che specifica una classe di default • Serve per classificare nel caso in cui nessuna regola soddisfa il nuovo campione da classificare § Buoni risultati sia in velocità e sia in accuratezza rispetto a C 4. 5 Data Mining - S. Orlando 106

Conclusioni § Association rule mining – Probabilmente costituisce il contributo più notevole al KDD Conclusioni § Association rule mining – Probabilmente costituisce il contributo più notevole al KDD da parte di ricercatori su DB e algoritmi – Moltissimi algoritmi sono stati pubblicati – Usato anche come analisi di base per alg. di clustering e classificazione § Direzioni di ricerca interessanti – Analisi delle associazioni in altri tipi di dati: spaziali, multimedia, serie temporali, grafi, etc. Data Mining - S. Orlando 107