Скачать презентацию Crescita economica Crescità felicità e cambiamento climatico Dr Скачать презентацию Crescita economica Crescità felicità e cambiamento climatico Dr

7af579fe9f3c63f819916bb0d9efcd15.ppt

  • Количество слайдов: 58

Crescita economica Crescità, felicità e cambiamento climatico Dr. Mario Mazzocchi m. mazzocchi@unibo. it Ricevimento: Crescita economica Crescità, felicità e cambiamento climatico Dr. Mario Mazzocchi m. [email protected] it Ricevimento: indicativamente venerdì 11 -13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta elettronica) www 2. stat. unibo. itmazzocchimacroeconomia

Variazione programma… Variazione programma…

Il lungo periodo • Le fluttuazioni perdono rilevanza • Il PIL cresce (salvo shock Il lungo periodo • Le fluttuazioni perdono rilevanza • Il PIL cresce (salvo shock come la crisi del 1929 -1933 o in caso di recessioni gravi) • Per tutti?

Dal breve al lungo periodo P AS (medio) Lungo periodo AS (breve) AD Y Dal breve al lungo periodo P AS (medio) Lungo periodo AS (breve) AD Y

Crescita in diverse aree del mondo • Paesi OCSE – la crescita tende a Crescita in diverse aree del mondo • Paesi OCSE – la crescita tende a convergere • Asia – alcuni paesi (Singapore, Taiwan, Corea del Sud) sono cresciuti rapidamente, passando da circa il 16% del PIL USA nel 1960 al 65% di oggi. La Cina è al 50% • Africa – per paesi molto poveri nel 1960 la situazione è addirittura peggiorata (Niger), oggi il PIL del Niger è la metà di quello del 1960. La crescita non è automatica: quali sono i fattori?

Crisi nell’area Euro (2008 -Q 4) Crisi nell’area Euro (2008 -Q 4)

Dati di oggi (2009: Q 1) • Italia: -5. 9% (dato peggiore dal 1980, Dati di oggi (2009: Q 1) • Italia: -5. 9% (dato peggiore dal 1980, cioè da quando viene rilevato) • Quarto calo consecutivo • Germania -3. 9% • Francia -1. 2% • In Cina la crescita cala ma rimane sopra il 7%

Statistiche recenti crescita Statistiche recenti crescita

Previsioni PIL • Modelli econometrici – Componenti non osservabili – Fattori dinamici – VAR Previsioni PIL • Modelli econometrici – Componenti non osservabili – Fattori dinamici – VAR –… • Difficoltà – Si basa sul passato – Non contempla il “panico”

Funzione di produzione aggregata Y=F(K, N) (in realtà capitale e lavoro non sono omogenei) Funzione di produzione aggregata Y=F(K, N) (in realtà capitale e lavoro non sono omogenei) F dipende dallo stato della tecnologia Rendimenti di scala • Crescenti • Costanti • Decrescenti In generale, capitale e lavoro hanno rendimenti decrescenti

Prodotto e capitale per occupato (modello di crescita esogena di Solow) Y/N=F(K/N, N/N)=F(K/N, 1) Prodotto e capitale per occupato (modello di crescita esogena di Solow) Y/N=F(K/N, N/N)=F(K/N, 1) Y/N Miglioramento tecnologia RENDIMENTI DECRESCENTI DEL CAPITALE K/N

Fattori di crescita • Aumento del capitale per occupato (risparmio), modello Harrod-Domar • Miglioramento Fattori di crescita • Aumento del capitale per occupato (risparmio), modello Harrod-Domar • Miglioramento della tecnologia, modello crescita esogena di Solow • Il solo aumento del capitale non permette di sostenere la crescita, serve progresso tecnologico

Risparmio, capitale e crescita • Il tasso di risparmio influisce sulla crescita solo nel Risparmio, capitale e crescita • Il tasso di risparmio influisce sulla crescita solo nel breve periodo S+T=I+G I = S + (T – G), dove (T – G) è il risparmio pubblico Se T – G = 0 e S=s. Y allora I=S=s. Y Gli investimenti dipendono dal tasso di risparmio

Investimento e capitale L’investimento è un flusso (annuale) Il capitale è uno stock (accumulato) Investimento e capitale L’investimento è un flusso (annuale) Il capitale è uno stock (accumulato) che si deprezza (ammortamenti) Kt = (1 -d) Kt-1+It

La relazione tra accumulazione del capitale, risparmio e produzione Kt = (1 -d) Kt-1+It La relazione tra accumulazione del capitale, risparmio e produzione Kt = (1 -d) Kt-1+It Kt / N = (1 -d) Kt-1 / N + s. Yt / N Kt / N – Kt-1 / N = s. Yt / N - d Kt-1 / N La variazione di capitale per occupato dipende dal risparmio, dalla produzione e dagli ammortamenti

Lungo periodo e stato stazionario • Nel lungo periodo (lunghissimo), la produzione per addetto Lungo periodo e stato stazionario • Nel lungo periodo (lunghissimo), la produzione per addetto e il capitale per addetto convergono a valori costanti • Nel cosidetto “stato stazionario”, il capitale non varia più e si stabilizza al valore K* K* / N – K* / N = s. Yt / N - d K* / N = 0 quindi s. Yt / N = d K* / N ovvero s. F(K* / N) = K*/N inoltre Y* / N = F(K* / N, s)

In sintesi, nel modello di crescita “esogena” • Nel lungo periodo: – Il livello In sintesi, nel modello di crescita “esogena” • Nel lungo periodo: – Il livello di produzione dipende dalla quantità di capitale – Il tasso di crescita del prodotto per addetto è nullo – Il tasso di risparmio non ha effetti sulla crescita – Il tasso di risparmio influenza il livello di produzione per addetto nel lungo periodo, ma non la crescita

Politiche sul tasso di risparmio • Creare un avanzo di bilancio • Sgravi fiscali Politiche sul tasso di risparmio • Creare un avanzo di bilancio • Sgravi fiscali per i risparmiatori • Nel breve periodo l’aumento del risparmio è legato ad una riduzione dei consumi • Nel lungo periodo, i consumi aumentano (e raggiungono il loro livello massimo) solo se il risparmio è pari al valore definito “livello di capitale di regola aurea” (golden rule)

Capitale fisico e capitale umano Y/N = f(K/N, H/N) H: livello di capitale umano Capitale fisico e capitale umano Y/N = f(K/N, H/N) H: livello di capitale umano per addetto • L’aumento del capitale umano aumenta la produttività • Il “capitale umano” si misura generamente attraverso i salari • Le ipotesi sono uguali a quelle sul capitale fisico • Il flusso è l’educazione, il capitale umano è lo stock

Capitale umano Y/N Educazione (= investimenti) RENDIMENTI DECRESCENTI DEL CAPITALE UMANO? H/N Capitale umano Y/N Educazione (= investimenti) RENDIMENTI DECRESCENTI DEL CAPITALE UMANO? H/N

Y/N e crescita • Un paese che : – Risparmia – Investe in ricerca Y/N e crescita • Un paese che : – Risparmia – Investe in ricerca tecnologica – Investe in educazione giungerà ad un prodotto pro capite più elevato (ma la crescita maggiore non verrà sostenuta nel lungo periodo e si stabilizzerà) La crescita è “finita”? Teoria della crescita endogena • Aumentando capitale umano e fisico simultaneamente, la crescita potrebbe non essere “limitata”, ma infinita

Il progresso tecnologico Y = F (K, N, A) A = stato della tecnologia Il progresso tecnologico Y = F (K, N, A) A = stato della tecnologia Ad esempio: Y = F(AK, AN) in cui la “tecnologia” aumenta il peso del fattore lavoro e di quello capitale… • Servono meno lavoratoricapitale per produrre la stessa quantità • Gli stessi lavoratoricapitale producono di più • Dividendo per AN si procede come in precedenza

Determinanti del progresso tecnologico • Attività di ricerca e sviluppo – Fertilità di R&S Determinanti del progresso tecnologico • Attività di ricerca e sviluppo – Fertilità di R&S – Appropriabilità di R&S (brevetti)

Crescita e benessere • Non c’è un’equazione crescita=felicità • Recentemente, gli economisti hanno cercato Crescita e benessere • Non c’è un’equazione crescita=felicità • Recentemente, gli economisti hanno cercato di quantificare la felicità (o meglio il well-being) David G. Blanchflower, Andrew J. Oswald (2004). Well-being over time in Britain and the USA. Journal of Public Economics 88 (2004) 1359 – 1386 • Declino felicità in USA, stabilità in UK David G. Blanchflower, Andrew J. Oswald (2004). MONEY, SEX AND HAPPINESS: AN EMPIRICAL STUDY. NBER Working Paper 10499 http: //www. nber. org/papers/w 10499

Obiettivi • Qual è la relazione tra ciclo macroeconomico e felicità (well being)? – Obiettivi • Qual è la relazione tra ciclo macroeconomico e felicità (well being)? – Aspetti microeconomici della felicità a livello internazionale – Condizionatamente a caratteristiche individuali e nazionali, c’è una relazione tra macroeconomia e well-being – Costi “psichici” della recessione • Un anno di recessione = $ 200 per tutti (più di quanto si perda per il calo PIL)

Recessione • Keynes: costosa per la società – Sottoutilizzo di capacità umane – Costi Recessione • Keynes: costosa per la società – Sottoutilizzo di capacità umane – Costi emotivi per chi perde il lavoro – Ingiustizie distributive • Teorici del ciclo economico – Keynes sovrastima il ciclo – Il ciclo non condiziona il livello medio di attività economica – Le recessioni sono aggiustamenti “desiderabili” a shock produttivi – Lucas: I costi del ciclo sono bassi (0. 1% del consumo totale USA), meglio concentrarsi sulla crescita

Problemi concettuali • La felicità non ha trend, il PIL sì – “Dummy” annuali Problemi concettuali • La felicità non ha trend, il PIL sì – “Dummy” annuali – Trend specifici per paese – Variazione PIL invece dei livelli assoluti • PIL, disoccupazione e inflazione non sono esogene, ma dipendono dalla politica – La politica è influenzata da probabilità di rielezione – Le probabilità di rielezione sono influenzate dalla “felicità” degli elettori – La gente felice lavora di più (? ? )

Due tipi di utilità • Utilità “decisionale” – I consumatori massimizzano l’utilità scegliendo I Due tipi di utilità • Utilità “decisionale” – I consumatori massimizzano l’utilità scegliendo I propri consumi (preferenze) – Osservando I consumi si desume l’utilità • Utilità “sperimentata” – Consumi diversi possono dare gradi di soddisfazione diversi

I dati • Indagine “Eurobarometro” 1975 -1992 • “United States General Social Survey” 1972 I dati • Indagine “Eurobarometro” 1975 -1992 • “United States General Social Survey” 1972 -1994 – Problemi nella raccolta dati • “Framing” effect • Order bias • Dati raccolti dagli autori

Eurobarometro • Campione casuale, circa 300, 000 rispondenti 1) “Taking all things together, how Eurobarometro • Campione casuale, circa 300, 000 rispondenti 1) “Taking all things together, how would you say things are these days—would you say you’re very happy, fairly happy, or not too happy these days? ” (“Happy” è difficile da tradurre uniformemente tra I linguaggi, solo fino al 1986) 2) “On the whole, are you very satisfied, fairly satisfied, not very satisfied, or not at all satisfied with the life you lead? ” Correlazione 1975 -1986: 0. 56

United States General Social Survey (1972– 1994) • “Taken all together, how would you United States General Social Survey (1972– 1994) • “Taken all together, how would you say things are these days—would you say that you are very happy, pretty happy, or not too happy? ” • Tre categorie anzichè quattro (meno introspezione)

I dati sul well-being • Sono usati dagli psicologi, perchè non dovrebbero utilizzarli anche I dati sul well-being • Sono usati dagli psicologi, perchè non dovrebbero utilizzarli anche gli economisti? • Sono “validati” sperimentalmente (chi si dice felice sorride di più… controlli “elettrici” sul cervello lo confermano… coerenza tra misure diverse… correlazione negativa con suicidi)

Regressioni Regressioni

Risultati simili US / EU • Disoccupati, non sposati, vedovi, poveri sono meno felici Risultati simili US / EU • Disoccupati, non sposati, vedovi, poveri sono meno felici • Conta la situazione assoluta o la posizione rispetto ad un gruppo di riferimento?

Cicli e felicità: approccio • Personal – – – – income quartile, Gender marital Cicli e felicità: approccio • Personal – – – – income quartile, Gender marital status, education, employed Age Number of children Country Year fixed effect Country specific time trend for some countries

Crescita e felicità: problemi • Il PIL cresce nel lungo periodo… la felicità non Crescita e felicità: problemi • Il PIL cresce nel lungo periodo… la felicità non ha trend – Sono le variazioni del PIL a influenzare la felicità? – Il livello assoluto del PIL genera una componente permanente di felicità? – I benefici di crescita del PIL (I soldi comprano felicità) sono accompagnati da peggioramenti (ambiente) che contrastano l’andamento della felicità – Ipotesi di Easterlin: redditi alti nel passato generano aspettative più alte, è la variazione relativa che conta

Modello macroeconomico Endogeneità: stime effettuate con ritardi oppure solo gender e età nel vettore Modello macroeconomico Endogeneità: stime effettuate con ritardi oppure solo gender e età nel vettore personal

Welfare state e unemployment • E’ possibile che l’aumento dei benefici incentivi la disoccupazione Welfare state e unemployment • E’ possibile che l’aumento dei benefici incentivi la disoccupazione (=Europa? ) • Gap tra felicità di occupati e disoccupati nel corso del tempo

Correlazioni Correlazioni

1) 2) 3) 4) 5) Contemporaneo Un ritardo Due ritardi Cont + ritardi Variazioni 1) 2) 3) 4) 5) Contemporaneo Un ritardo Due ritardi Cont + ritardi Variazioni

Country-specific trend Country-specific trend

Risultati • Il GDP ha impatto sia in termini di livello che di variazione Risultati • Il GDP ha impatto sia in termini di livello che di variazione • I benefici del reddito reale si attenuano nel tempo • “Abitudine” al reddito

Recessioni e felicità Recessioni e felicità

Unemployment individuale e aggregato • Due effetti: – Diretto: impatto psicologico disoccupazione su chi Unemployment individuale e aggregato • Due effetti: – Diretto: impatto psicologico disoccupazione su chi perde il lavoro – Indiretto: impatto su chi ha ancora il lavoro (paura? )

Costo psichico della recessione • Si consideri un aumento dell’ 1, 5% nella disoccupazione Costo psichico della recessione • Si consideri un aumento dell’ 1, 5% nella disoccupazione (media dei cicli economici USA) • Il modello permette di stimare il margine di sostituzione tra disoccupazione (aggregata, non individuale) e PIL • Per “compensare” la disoccupazione servono 200 dollari (oltre a quanto perso con il PIL o la disoccupazione personale) • Per chi perde il lavoro la stima è di 3800 dollari • Costo dell’inflazione = 70 dollari per ogni punto percentuale di crescita

Well-being gap Well-being gap

Risultati • Il welfare benefit aumenta il well-being del disoccupato e quello dell’occupato • Risultati • Il welfare benefit aumenta il well-being del disoccupato e quello dell’occupato • Non c’è discrepanza significativa rispetto ai benefit • Invece il gap in generale sta aumentato